logo
Newseletter Accedi Registrazione Lavora Con Noi Aiuto


topgan gmail facebook twitter linkedin instagram

logo in movimento
Logo
sito

La Bacheca del sito di TopGan da dove potete vedere quello che succede nel sito e potete postare quello che pensate e pubblicare i vostri articoli, annunci tutto gratuitamente.
Se volete condividere in questa bacheca il vostro sito o articolo e una pagina inserite questo codice qui sotto nel vostro sito o pagine da condividere e poi basta un click e tutto sarà condiviso.

Modificate la parte dove dice: Url della tua pagina con l’url da condividere.

<a title="Aggiungi a TopGan" rel="nofollow" target="_blank" href="https://www.topgan.it/sharing?url=Url della tua pagina"><img style="width: 100%" src="https://www.topgan.it/Images/topgan-logo-255x252.png" alt="topgan"></a>

Nuovo Post
annulla
  1. In data 22/01/2021 11:15:36 a pubblicato
    TopGan
    TopGan


    Condividi
    o
    Commenta
    Condividi.png

    Il mal di schiena sintomo del Covid: una 42enne scopre così il contagio. L'infettivologo: "Dolori da ossa rotte soprattutto per le donne"


    Il caso di una paziente di Molfetta di 42 anni che ha scoperto il contagio dopo essere finita in pronto soccorso per le fitte. L'infettivologo Angarano: "Accade soprattutto nelle giovani donne nella fase iniziale del Covid"

    Medici e scienziati lo sanno bene: il Covid-19 può manifestarsi con dolori muscolari molto forti. "Da ossa rotte", rimarca il professor Gioacchino Angarano, lo specialista che prima di vestire i panni di consulente dell'Asl Bari per la riconversione dell'ospedale San Paolo è stato per anni al timone del reparto Malattie infettive del Policlinico. "Questi dolori molto forti si presentano specialmente nelle donne, anche giovani. E soprattutto nella fase influenzale dalla malattia, ovvero ai suoi esordi", conferma l'infettivologo barese.

    Dolori muscolari. Forti, molto forti, dunque. Anche un mal di schiena importante. Come nel caso di Lucia, la donna di 42 anni di Molfetta che, secondo quanto riferisce La Gazzetta del Mezzogiorno, ha scoperto di aver contratto il Coronavirus dopo essere passata per il pronto soccorso dell'ospedale Don Tonino Bello. La storia risale a fine novembre.

    "Ho iniziato improvvisamente ad accusare dolori molto forti alla schiena, ma inizialmente non mi sono preoccupata più di tanto", racconta la donna, che è madre di due bambine di otto e 10 anni.

    "D'accordo con il mio medico ho iniziato ad assumere antidolorifici, ma senza ottenere alcun risultato. Anzi, le mie condizioni sono peggiorate", aggiunge. Non ha mai avuto i sintomi tipici del Covid. Niente febbre o raffreddore, niente tosse e nessuna perdita né del gusto né dell'olfatto. E così, senza sospettare il contagio, la 42enne va in pronto soccorso, dove il tampone rapido prima e quello molecolare dopo danno esito positivo. "Era il Covid". Ora la malattia non è che un ricordo: Lucia ne è uscita prima di Natale. Adesso sa che i dolori muscolari molto forti possono essere una spia del virus. "Dolori da ossa rotte", come dice il professor Angarano.



    Mi piace
    OK
    Questo post piace a: 1 Persona/e
    1. TopGan

    Nessuno ha commentato questo post

  2. In data 21/01/2021 17:24:30 a pubblicato
    TopGan
    TopGan


    Condividi
    o
    Commenta
    Condividi.png

    Ricarica rapida in auto: arriva la batteria che fa «il pieno» in cinque minuti

    L’israeliana StoreDot ha messo a punto un nuovo dispositivo agli ioni di litio: non è un prototipo, ma un prodotto già industrializzato in Cina

    di Elena Comelli

    E' nata la batteria del futuro. Dopo otto anni di ricerche, l'israeliana StoreDot è riuscita a produrre una batteria agli ioni di litio per l'auto elettrica che si ricarica in cinque minuti, quanto un pieno di benzina per una macchina tradizionale. Non è un prototipo, ma un prodotto già industrializzato, sfornato dagli stabilimenti di Eve Energy in Cina.

    StoreDot, pioniera del distretto dell'auto elettrica fiorito a Nord di Tel Aviv, ha già dimostrato l'efficiacia della sua batteria “a ricarica rapida estrema” sui cellulari, i droni e gli scooter, ma ora ha prodotto mille batterie per auto da far sperimentare alle compagnie automobilistiche.

    Fondata nel 2012 da Doron Myersdorf, in questi anni StoreDot ha raccolto 158 milioni di dollari di finanziamenti da Daimler, Bp, Samsung e Tdk ed è stata nominata Pioneer 2020 da Bloomberg New Energy Finance. La palla, ora, passa ai distributori di energia elettrica, che alimentano le colonnine di ricarica: per caricare la batteria di StoreDot in cinque minuti, infatti, serve molta più potenza di quella utilizzata oggi.

    Colonnine aggiornate

    La startup israeliana sta lavorando per ottenere una ricarica di 160 chilometri in 5 minuti anche con le colonnine di ricarica attualmente in uso, ma per Myersdorf la strada da percorrere è dare più potenza alle colonnine. «Il collo di bottiglia per una ricarica extra rapida non è più la batteria», sostiene Myersdorf.



    Mi piace
    OK
    Questo post piace a: 1 Persona/e
    1. TopGan

    Nessuno ha commentato questo post

  3. In data 20/01/2021 08:44:26 a pubblicato
    TopGan
    TopGan


    Condividi
    o
    Commenta
    Condividi.png

    Il MES. Senza bugie e senza inganni. Per non dire “Io non lo sapevo”

    (Stefano Rossi) – Ho sentito troppe volte Matteo Renzi, Rosato, e tanti altri, sostenere l’impossibile, cioè, che il Mes è più vantaggioso del Recovery, che non ci sono condizionalità e che si restituirà meno di quanto potremmo prendere in prestito per il tasso in negativo.
    Quest’ultima castroneria è stata partorita da Rosato.
    Ora, con molta calma vediamo e tocchiamo con mano cos’è il Mes.
    Premetto che tutti possono leggere e toccare con mano.
    Il Trattato qui sotto.

    Clicca qui per scaricare il PDF.

    Possiamo leggere dove si trova, cos’è (società privata con soldi pubblici lussemburghese), chi vi fa parte, le quote partecipative, lo status, le funzioni, financo la sede legale. Ma quello che ci interessa non lo troviamo.

    Invece qui il suo Regolamento

    Clicca qui per scaricare il PDF.



    Immagine Post
    Mi piace
    OK
    Questo post piace a: 1 Persona/e
    1. TopGan

    Nessuno ha commentato questo post

  4. In data 13/01/2021 07:50:48 a pubblicato
    TopGan
    TopGan


    Condividi
    o
    Commenta
    Condividi.png

    Asseverazioni errata nel superbonus 110%

    è il tecnico a risarcire il contribuenteAsseverazioni errata nel superbonus 110%: è il tecnico a risarcire il contribuente

    Per l’errata asseverazione che ha portato l’indebito godimento del superbonus 110% in capo al contribuente, l’Agenzia delle Entrate agirà verso quest’ultimo


    Laddove gli interventi oggetto di superbonus 110% si configurino come lavori di risparmio energetico o antisismici, la normativa di riferimento (art. 119 del decreto Rilancio e successive modificazioni) stabilisce che occorre acquisire l’asseverazione da parte del tecnico abilitato (ingegnere, architetto, ecc.).

    Ciò vale sia in caso di detrazione sia in caso di opzione per lo sconto in fattura o cessione del credito.

    L’asseverazione serve a dimostrare che l’intervento realizzato è conforme ai requisiti tecnici richiesti e la corrispondente congruità delle spese sostenute in relazione agli interventi agevolati.

    L’errata o falsa asseverazione nel superbonus 110%

    Nel caso, in fase di successivi controlli, si dovessero accertare errori o falsità nelle asseverazioni (che hanno portato a godere indebitamente del superbonus), l’Agenzia delle Entrate provvederà, al recupero del beneficio fiscale goduto (oltre che sanzione ed interessi) e lo farà nei confronti del beneficiario stesso.

    Dunque, il primo responsabile dell’errata asseverazione e, quindi, dell’indebito godimento del bonus 110% resta il contribuente che ha eseguito i lavori e non il tecnico che ha rilasciato l’asseverazione.

    La polizza assicurativa nel superbonus 110%: il tecnico risarcisce il contribuente

    Il tecnico, tuttavia, viene obbligato dallo stesso legislatore (al fine di garantire tutela al contribuente assistito ed anche alle casse del fisco), a stipulare, per il rilascio delle asseverazioni

    “una polizza di assicurazione della responsabilità civile, con massimale adeguato al numero delle attestazioni o asseverazioni rilasciate e agli importi degli interventi oggetto delle predette attestazioni o asseverazioni e, comunque, non inferiore a 500.000 euro, al fine di garantire ai propri clienti e al bilancio dello Stato il risarcimento dei danni eventualmente provocati dall’attività prestata”.

    Tra i danni che l’assicurazione copre e che il tecnico è chiamato a risarcire al contribuente beneficiario del superbonus 110% vi rientrano anche le somme recuperate dal fisco per l’indebito godimento del beneficio dipeso dalla falsa o errata asseverazione.

    Il contribuente dovrà, certamente, azionarsi per ottenere il risarcimento citando il tecnico stesso che ha causato il danno.


    Mi piace
    OK
    Questo post piace a: 2 Persona/e
    1. TopGan
    2. Florentina Trifonova

    Nessuno ha commentato questo post

  5. In data 28/11/2020 16:17:55 a pubblicato
    TopGan
    TopGan


    Condividi
    o
    Commenta
    Condividi.png

    Morta a 33 anni Veronica, avvocatessa e in attesa del secondo figlio: era ricoverata per complicanze legate al Covid

    La comunità del paese in provincia di Salerno piange la scomparsa di Veronica Stile, avvocatessa già mamma di una bambina di tre anni e al quarto mese di gravidanza del secondo figlio. Positiva al tampone, era stata ricoverata per complicanze da coronavirus

    Questa è l'eccellenza della nostra SANITA' che ormai e diventata un'AZIENDA e pensa solo a fare profitto, e non a curare le persone.

    L’unico che ha centrato il problema e Gino Strada che l'ha detto chiaro e tondo, e finche anche tutti noi non ce ne rendiamo conto di questo, in primis chi ha il potere di fare qualcosa di serio ed immediato ad invertire la rotta, noi possiamo fare tutti i sacrifici di questo mondo ma non ne usciremo mai.
    E come in guerra se non si rinforzano e si organizzano le truppe in prima linea, ma si lascia tutto la responsabilità alla popolazione nel si salvi chi può, la guerra si perde.

    È morta a 33 anni per complicazioni legate al Covid. Veronica Stile, al quarto mese di gravidanza, aveva scoperto di essere positiva e dopo l’aggravarsi dei sintomi era stata ricoverata in ospedale a Napoli. Avvocatessa di 33 anni, già mamma di una bambina di tre anni, era in attesa di un secondo figlio dal marito Rosario Stanzione, imprenditore ed ex calciatore. A dare la notizia della morte il sindaco di Nocera Inferiore, Manlio Torquato, con un post sul suo profilo Facebook: «La luce di ieri è stata spenta nel cuore dei nocerini. Una ragazza, una collega, una giovane madre è scomparsa oggi». «Non saprei dire ora quanto il covid c'entri in questa tragedia – scrive il sindaco –. Ma qualunque causa non spiega e non rende accettabile che una ragazza, bellissima, sbocciata alla vita e portatrice con sé di altra vita, possa spegnersi cosi».

    Anche la Asd Nocerina Calcio 1910, società calcistica locale, ha voluto esprimere vicinanza a Stanzione, vedovo di Veronica. «La Nocerina, a tutti i livelli, abbraccia Rosario Stanzione, imprenditore, ex calciatore molosso, nel recente passato vicino al club, colpito in queste ore da un grave lutto, la scomparsa prematura dell'adorata moglie Veronica Stile. Il presidente Paolo Maiorino, i dirigenti e i collaboratori, l'ufficio stampa, i calciatori e lo staff partecipano al dolore delle due famiglie». Una scomparsa che ha sconvolto la comunità di Nocera Inferiore, muovendo un’ondata di affetto e vicinanza alla famiglia della giovane mamma. Per questo motivo l’amministrazione comunale, ha fatto sapere il sindaco in un altro post pubblicato su Facebook, ha indetto il lutto cittadino sabato 28 novembre, il giorno delle esequie della donna.



    Mi piace
    OK
    Questo post piace a: 2 Persona/e
    1. TopGan
    2. Florentina Trifonova

    Questa post ha prodotto 7 commenti.

Pagine: first pre 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 next last T.: 307

capabarra21lg.gif

LE TUE MANI

Grande è la gioia che provo quando posso stringere le tue mani.
Sento esprimere tutte le cose che non mi hai mai detto,
sento che ancora mi vuoi bene,
anche se non te l'ho mai chiesto.
Nelle tue mani ho messo il mio cuore
e tutto l'amore vero e sincero.
Il tempo è passato ma il mio sentimento non è mai cambiato è ancora forte e vivo.
Spero ancora di stringere le tue mani,
sentire che col pensiero mi sei vicina.
Ti prego! non negarmi la gioia di un tuo saluto
e la speranza che un giorno non lontano,
ancora io possa stringere le tue mani.

capabarra39ec.gif e-mail0.gif posta.jpg