logo
Newseletter Accedi Registrazione Lavora Con Noi Aiuto


topgan gmail facebook twitter linkedin instagram

logo in movimento
Logo
sito

La Bacheca del sito di TopGan da dove potete vedere quello che succede nel sito e potete postare quello che pensate e pubblicare i vostri articoli, annunci tutto gratuitamente.
Se volete condividere in questa bacheca il vostro sito o articolo e una pagina inserite questo codice qui sotto nel vostro sito o pagine da condividere e poi basta un click e tutto sarà condiviso.

Modificate la parte dove dice: Url della tua pagina con l’url da condividere.

<a title="Aggiungi a TopGan" rel="nofollow" target="_blank" href="https://www.topgan.it/sharing?url=Url della tua pagina"><img style="width: 100%" src="https://www.topgan.it/Images/topgan-logo-255x252.png" alt="topgan"></a>

Nuovo Post
annulla
  1. In data 20/01/2021 08:44:26 a pubblicato
    TopGan
    TopGan


    Condividi
    o
    Commenta
    Condividi.png

    Il MES. Senza bugie e senza inganni. Per non dire “Io non lo sapevo”

    (Stefano Rossi) – Ho sentito troppe volte Matteo Renzi, Rosato, e tanti altri, sostenere l’impossibile, cioè, che il Mes è più vantaggioso del Recovery, che non ci sono condizionalità e che si restituirà meno di quanto potremmo prendere in prestito per il tasso in negativo.
    Quest’ultima castroneria è stata partorita da Rosato.
    Ora, con molta calma vediamo e tocchiamo con mano cos’è il Mes.
    Premetto che tutti possono leggere e toccare con mano.
    Il Trattato qui sotto.

    Clicca qui per scaricare il PDF.

    Possiamo leggere dove si trova, cos’è (società privata con soldi pubblici lussemburghese), chi vi fa parte, le quote partecipative, lo status, le funzioni, financo la sede legale. Ma quello che ci interessa non lo troviamo.

    Invece qui il suo Regolamento

    Clicca qui per scaricare il PDF.



    Immagine Post
    Mi piace
    OK
    Questo post piace a: 1 Persona/e
    1. TopGan

    Nessuno ha commentato questo post

  2. In data 13/01/2021 07:50:48 a pubblicato
    TopGan
    TopGan


    Condividi
    o
    Commenta
    Condividi.png

    Asseverazioni errata nel superbonus 110%

    è il tecnico a risarcire il contribuenteAsseverazioni errata nel superbonus 110%: è il tecnico a risarcire il contribuente

    Per l’errata asseverazione che ha portato l’indebito godimento del superbonus 110% in capo al contribuente, l’Agenzia delle Entrate agirà verso quest’ultimo


    Laddove gli interventi oggetto di superbonus 110% si configurino come lavori di risparmio energetico o antisismici, la normativa di riferimento (art. 119 del decreto Rilancio e successive modificazioni) stabilisce che occorre acquisire l’asseverazione da parte del tecnico abilitato (ingegnere, architetto, ecc.).

    Ciò vale sia in caso di detrazione sia in caso di opzione per lo sconto in fattura o cessione del credito.

    L’asseverazione serve a dimostrare che l’intervento realizzato è conforme ai requisiti tecnici richiesti e la corrispondente congruità delle spese sostenute in relazione agli interventi agevolati.

    L’errata o falsa asseverazione nel superbonus 110%

    Nel caso, in fase di successivi controlli, si dovessero accertare errori o falsità nelle asseverazioni (che hanno portato a godere indebitamente del superbonus), l’Agenzia delle Entrate provvederà, al recupero del beneficio fiscale goduto (oltre che sanzione ed interessi) e lo farà nei confronti del beneficiario stesso.

    Dunque, il primo responsabile dell’errata asseverazione e, quindi, dell’indebito godimento del bonus 110% resta il contribuente che ha eseguito i lavori e non il tecnico che ha rilasciato l’asseverazione.

    La polizza assicurativa nel superbonus 110%: il tecnico risarcisce il contribuente

    Il tecnico, tuttavia, viene obbligato dallo stesso legislatore (al fine di garantire tutela al contribuente assistito ed anche alle casse del fisco), a stipulare, per il rilascio delle asseverazioni

    “una polizza di assicurazione della responsabilità civile, con massimale adeguato al numero delle attestazioni o asseverazioni rilasciate e agli importi degli interventi oggetto delle predette attestazioni o asseverazioni e, comunque, non inferiore a 500.000 euro, al fine di garantire ai propri clienti e al bilancio dello Stato il risarcimento dei danni eventualmente provocati dall’attività prestata”.

    Tra i danni che l’assicurazione copre e che il tecnico è chiamato a risarcire al contribuente beneficiario del superbonus 110% vi rientrano anche le somme recuperate dal fisco per l’indebito godimento del beneficio dipeso dalla falsa o errata asseverazione.

    Il contribuente dovrà, certamente, azionarsi per ottenere il risarcimento citando il tecnico stesso che ha causato il danno.


    Mi piace
    OK
    Questo post piace a: 2 Persona/e
    1. TopGan
    2. Florentina Trifonova

    Nessuno ha commentato questo post

  3. In data 28/11/2020 16:17:55 a pubblicato
    TopGan
    TopGan


    Condividi
    o
    Commenta
    Condividi.png

    Morta a 33 anni Veronica, avvocatessa e in attesa del secondo figlio: era ricoverata per complicanze legate al Covid

    La comunità del paese in provincia di Salerno piange la scomparsa di Veronica Stile, avvocatessa già mamma di una bambina di tre anni e al quarto mese di gravidanza del secondo figlio. Positiva al tampone, era stata ricoverata per complicanze da coronavirus

    Questa è l'eccellenza della nostra SANITA' che ormai e diventata un'AZIENDA e pensa solo a fare profitto, e non a curare le persone.

    L’unico che ha centrato il problema e Gino Strada che l'ha detto chiaro e tondo, e finche anche tutti noi non ce ne rendiamo conto di questo, in primis chi ha il potere di fare qualcosa di serio ed immediato ad invertire la rotta, noi possiamo fare tutti i sacrifici di questo mondo ma non ne usciremo mai.
    E come in guerra se non si rinforzano e si organizzano le truppe in prima linea, ma si lascia tutto la responsabilità alla popolazione nel si salvi chi può, la guerra si perde.

    È morta a 33 anni per complicazioni legate al Covid. Veronica Stile, al quarto mese di gravidanza, aveva scoperto di essere positiva e dopo l’aggravarsi dei sintomi era stata ricoverata in ospedale a Napoli. Avvocatessa di 33 anni, già mamma di una bambina di tre anni, era in attesa di un secondo figlio dal marito Rosario Stanzione, imprenditore ed ex calciatore. A dare la notizia della morte il sindaco di Nocera Inferiore, Manlio Torquato, con un post sul suo profilo Facebook: «La luce di ieri è stata spenta nel cuore dei nocerini. Una ragazza, una collega, una giovane madre è scomparsa oggi». «Non saprei dire ora quanto il covid c'entri in questa tragedia – scrive il sindaco –. Ma qualunque causa non spiega e non rende accettabile che una ragazza, bellissima, sbocciata alla vita e portatrice con sé di altra vita, possa spegnersi cosi».

    Anche la Asd Nocerina Calcio 1910, società calcistica locale, ha voluto esprimere vicinanza a Stanzione, vedovo di Veronica. «La Nocerina, a tutti i livelli, abbraccia Rosario Stanzione, imprenditore, ex calciatore molosso, nel recente passato vicino al club, colpito in queste ore da un grave lutto, la scomparsa prematura dell'adorata moglie Veronica Stile. Il presidente Paolo Maiorino, i dirigenti e i collaboratori, l'ufficio stampa, i calciatori e lo staff partecipano al dolore delle due famiglie». Una scomparsa che ha sconvolto la comunità di Nocera Inferiore, muovendo un’ondata di affetto e vicinanza alla famiglia della giovane mamma. Per questo motivo l’amministrazione comunale, ha fatto sapere il sindaco in un altro post pubblicato su Facebook, ha indetto il lutto cittadino sabato 28 novembre, il giorno delle esequie della donna.



    Mi piace
    OK
    Questo post piace a: 2 Persona/e
    1. TopGan
    2. Florentina Trifonova

    Questa post ha prodotto 7 commenti.

  4. In data 04/01/2021 14:57:10 a pubblicato
    TopGan
    TopGan


    Condividi
    o
    Commenta
    Condividi.png

    Farmaco sperimentale blocca i tumori al polmone e al colon

    Scoperto a Torino, inibisce la proliferazione in linee cellulari di pazienti affetti da carcinoma causato dalla mutazione del gene “incurabile” KRAS G12C.. Lo studio pubblicato su Cancer Discovery.

    Il team di ricerca guidato dal professor Alberto Bardelli, direttore del Laboratorio di Oncologia Molecolare all’IRCCS Candiolo e docente del Dipartimento di Oncologia dell’Università di Torino, ha esaminato gli effetti di AMG510, un farmaco sperimentale che agisce da inibitore del gene “incurabile” KRAS G12C in linee cellulari di pazienti con carcinoma al polmone mutanti di KRAS e pazienti con carcinoma al colon retto e la stessa mutazione.

    Farmaco sperimentale agisce da inibitore di KRAS
    Tramite lo studio (1), pubblicato sulla rivista Cancer Discovery e coordinato da Sandra Misale, ricercatrice associata al Memorial Sloan Kettering Cancer Center di New York, gli esperti hanno provato a spiegare i meccanismi di resistenza agli inibitori del gene KRAS G12C.

    “Abbiamo cercato di comprendere i meccanismi alla base delle differenze di lignaggio nelle cellule di cancro ai polmoni e del cancro al colon retto – dice la collaboratrice – . I dati mostrano che, nonostante ospitino la stessa mutazione, ci sono delle differenze intrinseche”. Differenze che si è tradotte in una “diversa sensibilità” nell’inibizione del gene KRAS G12C con farmaci mirati, anticorpi monoclonali – già approvati per il trattamento di altri tipi di cancro al colon.

    Gli inibitori cellulari del gene KRAS G12C sono stati in grado di bloccare la proliferazione delle linee cellulari, interferendo con l’attivazione del blocco di KRAS G12 e inducendo la regressione del tumore. “Queste scoperte – ha concluso Misale – hanno una rilevanza immediata per i pazienti con un tumore causato dalla mutazione del gene KRAS G12C”.


    Mi piace
    OK
    Questo post piace a: 2 Persona/e
    1. TopGan
    2. Florentina Trifonova

    Nessuno ha commentato questo post

  5. In data 04/01/2021 15:22:07 a pubblicato
    TopGan
    TopGan


    Condividi
    o
    Commenta
    Condividi.png

    Il Regno Unito è il primo Paese ad avviare la campagna vaccinale con Oxford-AstraZeneca

    Da oggi è partita la massiccia operazione di immunizzazione con il vaccino Oxford.AstraZeneca nel Regno Unito. Il primo a ricevere la dose del vaccino Oxford-AstraZeneca è stato Brian Pinker, un paziente in dialisi di 82 anni, che è stato sottoposto al vaccino in un ospedale a poche centinaia di metri da dove il siero è stato prodotto.

    "Sono così contento di esser stato vaccinato e orgoglioso che sia stato sviluppato proprio ad Oxford", ha detto sorridente. "Le infermiere, i medici e lo staff oggi sono stati tutti fantastici e ora non vedo l'ora di festeggiare il mio 48 esimo anniversario di matrimonio con mia moglie Shirley prima della fine dell'anno".

    La Gran Bretagna è il primo Paese a utilizzare il vaccino, alla cui produzione ha collaborato anche un'azienda italiana. Il vaccino è considerato dal governo di Londra un punto di svolta nella battaglia all'epidemia perché economico e facilmente trasportabile visto che può essere conservato alla temperatura di un normale frigorifero. A partire da oggi, sei ospedali in Inghilterra somministreranno la prima delle circa 530 mila dosi che la Gran Bretagna ha pronte per questa settimana. AstraZeneca ha promesso di aumentare la produzione e di mettere a disposizione due milioni di dosi a settimana da metà gennaio.

    Intanto oggi il premier Boris Johnson valuta se inasprire le misure di 'lockdown' e allargarle a tutta l'Inghilterra. Londra deve fare i conti con un'impennata dei nuovi casi, che hanno superato quota 50 mila per sei giorni consecutivi, a causa della contagiosissima variante inglese. Numeri che hanno spinto anche il leader dei laburisti, Keir Starmer, a chiedere al governo di imporre nuove restrizioni.

    Il Regno Unito ha accelerato il lancio della vaccinazione pianificando di somministrare entrambe le dosi del vaccino a 12 settimane di distanza, invece di lasciare 21 giorni tra le due somministrazione come era stato inizialmente stabilito per vaccinare una volta un numero superiore di persone.

    AstraZeneca presenta domanda in Corea del Sud

    AstraZeneca ha presentato una domanda in Corea del Sud per l'approvazione del vaccino contro il coronavirus sviluppato con l'Università di Oxford. Il ministero ha detto che proverà ad approvare l'uso del vaccino in 40 giorni. La Corea del Sud ha firmato un accordo con AstraZeneca a dicembre, con la prima spedizione prevista già a gennaio.



    Immagine Post
    Mi piace
    OK
    Questo post piace a: 2 Persona/e
    1. TopGan
    2. Florentina Trifonova

    Nessuno ha commentato questo post

Pagine: first pre 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 next last T.: 309

capabarra21lg.gif

LE TUE MANI

Grande è la gioia che provo quando posso stringere le tue mani.
Sento esprimere tutte le cose che non mi hai mai detto,
sento che ancora mi vuoi bene,
anche se non te l'ho mai chiesto.
Nelle tue mani ho messo il mio cuore
e tutto l'amore vero e sincero.
Il tempo è passato ma il mio sentimento non è mai cambiato è ancora forte e vivo.
Spero ancora di stringere le tue mani,
sentire che col pensiero mi sei vicina.
Ti prego! non negarmi la gioia di un tuo saluto
e la speranza che un giorno non lontano,
ancora io possa stringere le tue mani.

capabarra39ec.gif e-mail0.gif posta.jpg