logo
Newseletter Accedi Registrazione Lavora Con Noi Aiuto


topgan gmail facebook twitter linkedin instagram

logo in movimento
Logo
sito

La Bacheca del sito di TopGan da dove potete vedere quello che succede nel sito e potete postare quello che pensate e pubblicare i vostri articoli, annunci tutto gratuitamente.
Se volete condividere in questa bacheca il vostro sito o articolo e una pagina inserite questo codice qui sotto nel vostro sito o pagine da condividere e poi basta un click e tutto sarà condiviso.

Modificate la parte dove dice: Url della tua pagina con l’url da condividere.

<a title="Aggiungi a TopGan" rel="nofollow" target="_blank" href="https://www.topgan.it/sharing?url=Url della tua pagina"><img style="width: 100%" src="https://www.topgan.it/Images/topgan-logo-255x252.png" alt="topgan"></a>

Nuovo Post
annulla
  1. In data 02/03/2021 08:41:26 a pubblicato
    TopGan
    TopGan


    Condividi
    o
    Commenta
    Condividi.png

    Draghi castiga le pensioni. Assegno più basso a marzo

    Inizia il periodo più brutto dell'anno, pensando alle nostre pensioni. Da un lato si parla di una radicale riforma, dall'altra si riducono gli assegni. Sì sì, certo, qualche testata concorrente alla nostra già si preparerà ad accusarci di utilizzare in nome di Mario Draghi invano, perché i conti con i quali dovranno fare i pensionati nel corso del mese di marzo, non hanno nulla a che fare con il nuovo premier.

    Inizia il periodo più brutto dell'anno, pensando alle nostre pensioni. Da un lato si parla di una radicale riforma, dall'altra si riducono gli assegni. Sì sì, certo, qualche testata concorrente alla nostra già si preparerà ad accusarci di utilizzare in nome di Mario Draghi invano, perché i conti con i quali dovranno fare i pensionati nel corso del mese di marzo, non hanno nulla a che fare con il nuovo premier. Un mera coincidenza? Tirando le somme, il ricalcolo della mensilità che arriverà nei prossimi giorni, condizionata dai conguagli al ribasso dell'Irpef, arriva in un momento molto molto strano.

    Sì perché la speranza di molte persone era posta nel nuovo Governo. Mario Draghi, con il suo discorso del Whatever it takes, era entrato nel cuore delle persone, che si affidavano ad un uomo di estrema cultura e destinato a fare il bene del paese. Un bene, che secondo l'opinione dei più, dovrebbe coincidere anche con il bene del proprio portafoglio. Poi non centra che il ricalcolo delle pensioni sia un'eredità dei governi passati o se le nuove misure restrittive siano dettate da un'esigenza sanitaria e che gli strumenti per arginarla non siano ancora stati messi in piedi!

    Pensioni, cosa cambia a marzo!

    Si preannuncia un mese di marzo molto duro per i pensionati, che a causa dei conguagli dell'Irpef si rivedranno la pensione ridotta. Ma non basta, come ha provveduto a sottolineare l'Istat, l'assegno previdenziale riservato ad impiegati ed operari nel biennio 2019-2020 era sceso dello 0,3%. Stiamo parlando di due delle categorie che sono state fortemente colpite dalla pandemia e dalle restrizioni economiche, che hanno portato a bloccare molte attività.

    Gli assegni previdenziali saranno interessati ad un ricalcolo del Irpef: a subire il taglio della propria pensione saranno i pensionati, che hanno percepito degli altri redditi rispetto all'assegno Inps. Sarà necessario provvedere ad un conguaglio, che porterà ad un riduzione rispetto a quanto si era preventivato di ricevere. Ma non solo, a pesare sulla mensilità, oltre all'Irpef, ci saranno anche gli importi relativi all'addizionale regionale 2020 e all'addizionale comunale 2020.



    Mi piace
    OK
    Questo post piace a: 1 Persona/e
    1. TopGan

    Nessuno ha commentato questo post

  2. In data 22/02/2021 08:15:06 a pubblicato
    TopGan
    TopGan


    Condividi
    o
    Commenta
    Condividi.png

    Rinvio dei tagli all'editoria e contributo a Radio Radicale, Fnsi

    «Segnale forte a tutto il settore come primo provvedimento del nuovo governo Draghi, ecco uno dei motivi dell'osannare da parte di tutti i giornali a questo Governo ed è anche uno dei motivi percui combattevono contro il Governo Conte

    Approvati in commissione alla Camera due emendamenti al Milleproroghe. «Sanato un vulnus», rileva il segretario generale Raffaele Lorusso. «L'auspicio - aggiunge - è che anche il nuovo governo presti attenzione alla salvaguardia del pluralismo dell'informazione. Occorre riprendere al più presto il percorso virtuoso e condiviso con le parti sociali avviato nei mesi scorsi».


    Nuovo rinvio dei tagli all'editoria e rifinanziamento di Radio Radicale: le commissioni Affari costituzionali e Bilancio della Camera hanno approvato due emendamenti al Milleproroghe, riformulati, che spostano di altri due anni l'entrata in vigore del graduale azzeramento del contributo ai giornali previsto con la manovra per il 2019 e stanziano 2 milioni per il 2021 per Radio Radicale.

    «L'approvazione dei due emendamenti a tutela del pluralismo dell'informazione rappresenta un segnale forte a tutto il settore», commenta Raffaele Lorusso, segretario generale della Federazione nazionale della Stampa italiana.

    «L'aver messo in sicurezza i contributi per Radio Radicale e per i giornali in cooperativa – aggiunge – consente di sanare il vulnus che si era creato con il taglio progressivo dei finanziamenti, approvato con la legge di bilancio 2019. L'auspicio è che anche il nuovo governo presti attenzione alla salvaguardia del pluralismo dell'informazione».

    Per il segretario Fnsi, «occorre riprendere al più presto il percorso virtuoso e condiviso con le parti sociali, avviato nei mesi scorsi sia sul versante di una riforma complessiva del settore dell'editoria sia sul versante della tutela del lavoro giornalistico, a partire dal contrasto al precariato e allo sfruttamento fino alla difesa del diritto d'autore».



    Mi piace
    OK
    Questo post piace a: 1 Persona/e
    1. TopGan

    Nessuno ha commentato questo post

  3. In data 22/02/2021 07:37:37 a pubblicato
    TopGan
    TopGan


    Condividi
    o
    Commenta
    Condividi.png

    Nuovo digitale terrestre 2021 date passaggio Piemonte

    cosa cambia e quando avverrà il passaggio

    Nuovo digitale terrestre 2021 date passaggio

    Lo standard di ultima generazione

    Il 2021 sarà l'anno del passaggio al digitale terrestre di seconda generazione. Il nuovo digitale terrestre. Il DVB-T2 (Digital Video Broadcasting – Second Generation Terrestrial) è lo standard di ultima generazione per le trasmissioni sulla piattaforma digitale terrestre del consorzio europeo DVB e  diverse regioni italiane dovranno procedere a risintonizzare i canali che si trovano nella nuova banda di frequenza a 700 MHz. Il Piemonte è tra le prime regioni in cui avverrà il passaggio al nuovo standard.

    Sono previsti due passaggi. Dal 1° settembre 2021 cambierà il modo di guardare la televisione: le immagini saranno di maggior qualità e avremo la possibilità di usufruire di un numero più alto di programmi. Il primo passaggio riguarderà lo standard di codifica MPEG-2, che sarà abbandonato a favore del più avanzato MPEG-4, ovvero la tecnologia che consente la visione dei programmi in HD. Chi possiede una Tv che non riceve canali in alta definizione, dovrà dotarsi di un decoder o cambiare il proprio televisore già a partire da questa data. Il secondo passaggio, previsto tra il 21 e il 30 giugno 2022, riguarderà lo standard di trasmissione e vedrà il sistema DVB-T2 HEVC sostituire l’attuale DVB-T.

    Il 2021 sarà l'anno del passaggio al digitale terrestre di seconda generazione. Il nuovo digitale terrestre. Il DVB-T2 (Digital Video Broadcasting – Second Generation Terrestrial) è lo standard di ultima generazione per le trasmissioni sulla piattaforma digitale terrestre del consorzio europeo DVB e  diverse regioni italiane dovranno procedere a risintonizzare i canali che si trovano nella nuova banda di frequenza a 700 MHz. Il Piemonte è tra le prime regioni in cui avverrà il passaggio al nuovo standard.

    Sono previsti due passaggi. Dal 1° settembre 2021 cambierà il modo di guardare la televisione: le immagini saranno di maggior qualità e avremo la possibilità di usufruire di un numero più alto di programmi. Il primo passaggio riguarderà lo standard di codifica MPEG-2, che sarà abbandonato a favore del più avanzato MPEG-4, ovvero la tecnologia che consente la visione dei programmi in HD. Chi possiede una Tv che non riceve canali in alta definizione, dovrà dotarsi di un decoder o cambiare il proprio televisore già a partire da questa data. Il secondo passaggio, previsto tra il 21 e il 30 giugno 2022, riguarderà lo standard di trasmissione e vedrà il sistema DVB-T2 HEVC sostituire l’attuale DVB-T.

    Quando avverrà il passaggio

    Dal 1° settembre 2021 al 31 dicembre 2021 avverrà il passaggio dal vecchio al nuovo digitale terrestre (Area 2 e Area 3) in Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna e le province di Trento e di Bolzano. Seguono poi, dal 1° gennaio 2022 al 31 marzo 2022, (Area 1) Liguria, Toscana, Umbria, Lazio, Campania, Sardegna; e dal 1° aprile 2022 al 31 giugno 2022: (Area 4) Sicilia, Calabria, Puglia, Basilicata, Abruzzo, Molise, Marche.

    Nella prima fase del passaggio, i canali DTT abbandoneranno lo standard MPEG-2 per usare esclusivamente l’MPEG-4 (attualmente impiegato solo dai canali HD, quelli dal 500 in su). La transizione definitiva invece avverrà a luglio del 2022 con il passaggio allo standard HEVC.



    Mi piace
    OK
    Questo post piace a: 1 Persona/e
    1. TopGan

    Nessuno ha commentato questo post

  4. In data 20/02/2021 08:16:22 a pubblicato
    TopGan
    TopGan


    Condividi
    o
    Commenta
    Condividi.png

    DA LUNEDÌ 22 FEBRAIO VACCINI ANTICOVID IN PIEMONTE

    DA LUNEDÌ VACCINI ANTICOVID AGLI OVER 80 E PERSONALE SCOLASTICO E UNIVERSITARIO
    A partire da lunedì 22 febbraio inizierà la campagna di vaccinazione anti covid in Piemonte.
    La campagna riguarderà le persone che hanno più di 80 anni (compresi i nati nel 1941), che saranno vaccinati, e il personale scolastico e universitario, che invece sarà vaccinato agli ospedali. Successivamente verranno coperte le altre categorie.
    OVER 80
    Se hai più di 80 anni:
    1. contatta il tuo medico segnalando di voler essere vaccinato
    2. il medico inserirà il tuo nome sul portale dell'ASL
    3. l'ASL ti invierà una mail o un sms in cui sarà indicato giorno, ora e luogo dell'appuntamento per la vaccinazione (se non hai il cellulare puoi indicare quello di una persona fidata).
    (Nota: alcuni medici di famiglia inseriscono automaticamente i propri pazienti sul portale, ma si consiglia comunque di contattarli)
    PERSONALE SCOLASTICO E UNIVERSITARIO
    Se fai parte del personale scolastico o universitario e vuoi essere vaccinato devi farlo presente registrandoti sul portale apposito con la seguente procedura:
    1. vai su www.ilpiemontetivaccina.it/preadesione/#/
    2. inserisci i dati richiesti
    3. attendi la comunicazione dell'appuntamento
    Se hai dubbi, vai qui www.ilpiemontetivaccina.it/preadesione/#/faq
    INFORMAZIONI SUI VACCINI
    «I vaccini attualmente in uso sono tre: Pfizer, Moderna e Astra Zeneca. Tutti e tre sono stati testati e approvati dall'AIFA e dalle autorità sanitarie internazionali – interviene il presidente della Commissione salute, il medico Salvi Umberto - Sono considerati sicuri ed efficaci a prevenire sia il contagio che, soprattutto, la possibilità di sviluppare forme gravi di Covid 19».
    Pfizer e Moderna vengono somministrati a tutti i pazienti, mentre Astra Zeneca al momento viene destinato solo agli under 55.
    La campagna vaccinale è iniziata con il personale sanitario, i pazienti di RSA, e proseguirà con le forze dell'ordine, il personale scolastico, gli over 80 e, a seguire, con le altre fasce d'età.
    Ti servono altre informazioni? Consulta il tuo medico o vai qui https://www.regione.piemonte.it/.../dal-15-febbraio...



    Immagine Post
    Mi piace
    OK
    Questo post piace a: 1 Persona/e
    1. TopGan

    Nessuno ha commentato questo post

  5. In data 18/02/2021 10:52:55 a pubblicato
    TopGan
    TopGan


    Condividi
    o
    Commenta
    Condividi.png

    Chiomonte, intercettata acqua calda negli scavi per il Tav: sarà energia sostenibile per tutta la valle

    L’acqua calda intercettata durante lo scavo del tunnel di base a Chiomonte, per la realizzazione della linea ferroviaria Torino-Lione, diventerà energia pulita e sostenibile per il cantiere. Ma non solo. Si tratta di una risorsa geotermica che potrà anche essere messa a disposizione della collettività, sull'intero territorio della Val di Susa.

    Taglio nell'emissione di anidride carbonica

    E' di fatto una forma di energia alternativa generata dal calore naturale della Terra, una fonte rinnovabile ed economicamente conveniente, oltre a rappresentare un’opportunità per sperimentare soluzioni innovative e attrarre investimenti per l’economia sostenibile. L'energia geotermica può consentire un taglio di 57 tonnellate all'anno nell'emissione in atmosfera di anidride carbonica e di 264 MWh all'anno.

    Le opportunità derivanti da questa energia geotermica sono state approfondite in uno studio condotto da TELT con il Dipartimento di Ingegneria dell’Ambiente, del Territorio e delle Infrastrutture (DIATI) e il dipartimento Energia (DENERG) del Politecnico di Torino. Questa azione si inserisce nel quadro dei principi e degli obiettivi di sviluppo sostenibile sui Sustainable Development Goals (SDG) che il promotore pubblico si è impegnato a perseguire dalla sua adesione al Global Compact delle Nazioni Unite avvenuta nel 2015.

    La ricerca è durata due anni e mezzo e ha portato a definire diversi elementi: in base all’esperienza fatta durante la realizzazione del cunicolo della Maddalena, dove non si è registrato alcun impatto sulla risorsa idrica superficiale, sono state confermate le ipotesi progettuali rispetto alla portata delle acque intercettate. Inoltre sono state valutate diverse ipotesi di impiego della risorsa geotermica sia nella fase di lavori sia in quella di esercizio. Secondo quanto emerso la portata può essere valorizzata grazie a un rivestimento impermealizzato della galleria per convogliare le acque in una canalina di raccolta, generando una potenza termica stimata tra i 9,3 e i 14,4 megawatt.

    Ipotesi di impiego

    A fronte di questi dati il Politecnico ha selezionato gli scenari di utilizzo che creano il maggiore valore aggiunto. In particolare sono state approfondite quattro ipotesi di utilizzo a Chiomonte, durante gli anni di lavori: alimentazione di uno spazio visitatori e degli uffici di cantiere, teleriscaldamento di 80 edifici, alimentazione di serre per la orto-floricoltura o di serre idroponiche. Altre tre ipotesi sono state analizzate per l’uso dopo il 2030 a Susa, dove le acque calde confluiranno al termine dei lavori: alimentazione di una piscina comunale, del teleriscaldamento di 2.000 abitazioni o della stazione ferroviaria internazionale con i rispettivi uffici.



    Immagine Post
    Mi piace
    OK
    Questo post piace a: 2 Persona/e
    1. TopGan
    2. Florentina Trifonova

    Nessuno ha commentato questo post

Pagine: first pre 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 next last T.: 307

capabarra21lg.gif

LE TUE MANI

Grande è la gioia che provo quando posso stringere le tue mani.
Sento esprimere tutte le cose che non mi hai mai detto,
sento che ancora mi vuoi bene,
anche se non te l'ho mai chiesto.
Nelle tue mani ho messo il mio cuore
e tutto l'amore vero e sincero.
Il tempo è passato ma il mio sentimento non è mai cambiato è ancora forte e vivo.
Spero ancora di stringere le tue mani,
sentire che col pensiero mi sei vicina.
Ti prego! non negarmi la gioia di un tuo saluto
e la speranza che un giorno non lontano,
ancora io possa stringere le tue mani.

capabarra39ec.gif e-mail0.gif posta.jpg