logo
Newseletter Accedi Registrazione Lavora Con Noi Aiuto


topgan gmail facebook twitter linkedin instagram

logo in movimento
Logo
sito

La Bacheca del sito di TopGan da dove potete vedere quello che succede nel sito e potete postare quello che pensate e pubblicare i vostri articoli, annunci tutto gratuitamente.
Se volete condividere in questa bacheca il vostro sito o articolo e una pagina inserite questo codice qui sotto nel vostro sito o pagine da condividere e poi basta un click e tutto sarà condiviso.

Modificate la parte dove dice: Url della tua pagina con l’url da condividere.

<a title="Aggiungi a TopGan" rel="nofollow" target="_blank" href="https://www.topgan.it/sharing?url=Url della tua pagina"><img style="width: 100%" src="https://www.topgan.it/Images/topgan-logo-255x252.png" alt="topgan"></a>

Nuovo Post
annulla
  1. In data 02/02/2021 07:56:44 a pubblicato
    TopGan
    TopGan


    Condividi
    o
    Commenta
    Condividi.png

    L’imprenditore che produce monoclonali a Latina

    Li inviamo in tutto il mondo, ma in Italia se faccio uscire una fiala dal cancello mi arrestano

    Aldo Braca è il titolare della Bsp Pharmaceuticals dove si produce l'anticorpale della Eli Lilly che finisce in tutto il mondo fuorché in Italia, dove non è autorizzato. "I ritardi sui vaccini aumentano la richiesta globale , l'Italia si muova ora o rischia che l'intera produzione venga opzionata”. Aifa non emanato un bando di studio per la ricerca che potrebbe impiegare mesi. Il dg delle malattie infettive del San Martino Bassetti: "Non ha nessuno senso e poi anche Il problema etico: perché dovrei dare un placebo ai malati quando c'è la terapia per guarirli?”

    “Anche io ho dei parenti che si son presi il Covid sa? Ma ho anche mille dipendenti che controllo tutte le mattine e tanti si sono ammalati fuori di qui, rischiando la vita. Dal mio impianto esce il farmaco che può guarirli subito. Sa che mi succede se lo porto fuori da questo cancello? Succede che mi arrestano, perché in Italia non è autorizzato”. Aldo Braca è il titolare della Bsp Pharmaceuticals di Latina, azienda divenuta celebre nell’era Covid perché da lì partono i camion refrigerati che portano gli anticorpi monoclonali della Eli Lilly in tutto il mondo fuorché in Italia, dove l’Aifa non li ha autorizzati. Gli ultimi studi pubblicati confermano una riduzione del rischio di morte del 70% e tuttavia le fiale da Latina vanno in Francia per l’etichettatura e poi negli ospedali di Stati Uniti, Canada, Israele, Germania, Inghilterra e Ungheria. Non in quelli italiani. “Non ci dormo la notte, da quando ho iniziato a mandare via il prodotto. Mi fa incazzare non una, ma dieci volte. Lo scriva pure questo. Ma la prego, aggiunga: l’Italia deve darsi una mossa”.

    All’imprenditore non era sembrato solo un affare, quando ha contratto l’obbligazione con la multinazionale di Indianapolis per 100mila dosi di Bamlanivimab al mese, uno dei due soli trattamenti autorizzati al mondo contro il Covid. “Era settembre – racconta – gli ospedali stavano esplodendo di nuovo. Ho subito chiesto alla Lilly “ma in Italia il prodotto ci sarà vero?”, e loro mi hanno risposto “certamente lo offriremo, poi è il ministero che decide ma noi lo proporremo”. Il resto ormai è storia.

    L’Agenzia del Farmaco, che dal ministero dipende, non ha autorizzato la sperimentazione, neppure quando le fiale erano state offerte gratuitamente a questo scopo su iniziativa del virologo Guido Silvestri che da allora non si da pace. Da Atlanta chiede che si faccia chiarezza su chi, a Roma, ha la responsabilità del ritardo nell’accesso alla terapia e delle vite che potevano salvare. Eccesso di prudenza e burocrazia, inconfessabili conflitti di interesse in capo ai decisori pubblici, non s’è mai capito. Fatto sta che allo sconcerto di pochi è poi seguita la rabbia di molti. Ma nessuno, nel frattempo, si preoccupa dell’approvvigionamento. “Coi vaccini ritardano sale la domanda globale di anticorpi – avverte Braca – . Ho ancora capacità produttiva ma dopo Trump l’amministrazione Biden ha subito opzionato altri due milioni di dosi, ora la Germania. Lilly ha messo un booking molto alto, sma se non ci muoviamo presto l’intera produzione sarà opzionata”.



    Mi piace
    OK
    Questo post piace a: 2 Persona/e
    1. TopGan
    2. Giuseppe Cappiello

    Questo post ha prodotto un commento.

  2. In data 01/02/2021 09:28:07 a pubblicato
    TopGan
    TopGan


    Condividi
    o
    Commenta
    Condividi.png

    Come Organizzare la vaccinazione di massa da parte di un cittadino.

    Visto le ultime notizie che i vaccini di pfizer e moderna scarseggiano e l’ultimo di astrazeneca e efficace solo per fasce di età non superiori a 55 anni, la distribuzione dovrebbe avvenire in questo modo:

    • Vaccini pfizer e moderna a tutte le persone con età superiore a 55 anni suddivise partendo da quelli più a rischio contagio “Dottori, Infermieri, Case di riposo e personale” seguiti da tutti gli altri.
    • Vaccino astrazeneca a tutte le persone sotto la soglia di 55 anni suddivise partendo anche qui con chi è più a rischio contagio.

    Il sistema sanitario ha la lista completa di tutti i cittadini con tutti i dati a disposizione per suddividerli in questo modo stilando una lista crescente di chi vaccinare con uno o l’altro vaccino.

    Da questa lista chiamare le persone man mano per la vaccinazione senza interferenze alcuna da parte di furbetti, cosi da poter andare spediti con le dosi di vaccini a disposizioni.



    Immagine Post
    Mi piace
    OK
    Questo post piace a: 3 Persona/e
    1. TopGan
    2. Florentina Trifonova
    3. Giuseppe Cappiello

    Nessuno ha commentato questo post

  3. In data 22/01/2021 08:39:22 a pubblicato
    TopGan
    TopGan


    Condividi
    o
    Commenta
    Condividi.png

    “Vaccino di Pfizer blocca anche il contagio”, la buona notizia da Israele


    • Uno studio israeliano ha dimostrato che i vaccinati improbabilmente possono trasmettere il coronavirus.
    • Lo studio è stato effettuato sul personale medico del Centro medico Sheba.
    • Si tratta della prima ricerca al di là delle sperimentazioni di Pfizer.

    Secondo uno studio israeliano è improbabile che i destinatari del vaccino di Pfizer – BioNTech anti Covid-19 possano trasmettere il coronavirus ad altri.

    Infatti, i partecipanti alla ricerca hanno sviluppato un tasso di anticorpi superiore a 20 entro una settimana dalla ricezione della seconda dose del farmaco.

    L’indagine, che ha esaminato i dati di 102 su circa 1.000 membri del personale medico del Centro medico Sheba, che hanno ricevuto entrambe le dosi, ha mostrato che soltanto due soggetti hanno sviluppato una bassa quantità di anticorpi e uno di questi ha un sistema immunitario compromesso. Non c’è alcun motivo per cui quest’ultima persona non abbia sviluppato gli anticorpi e l’ospedale sta indagando.

    Il resto – il 98% – ha sviluppato livelli di anticorpi addirittura superiori ai pazienti che si sono ripresi da un grave effetto indotto dal coronavirus.

    Il professor Gili Regev-Yohai, direttore dell’Unità di epidemiologia delle malattie infettive di Sheba, ha affermato che le persone che hanno ricevuto entrambe le dosi del vaccino molto probabilmente non diventeranno portatrici del coronavirus e non lo diffonderanno grazie al livello alto di anticorpi che hanno ottenuto.

    Si tratta della prima indicazione che il vaccino anti Covid19 possa anche interrompere la trasmissione. Ed è uno dei primi studi condotti al di fuori della sperimentazione di Pfizer sull’efficacia del vaccino.

    «I risultati del sondaggio sono coerenti con l’esperimento di Pfizer e hanno persino superato le aspettative», ha dichiarato il prof. Regev-Yohai.

    Israele ha superato la soglia di due milioni di vaccinati e guida la ‘classifica’ mondiale.



    Mi piace
    OK
    Questo post piace a: 3 Persona/e
    1. TopGan
    2. Florentina Trifonova
    3. Giuseppe Cappiello

    Nessuno ha commentato questo post

  4. In data 22/01/2021 08:09:21 a pubblicato
    TopGan
    TopGan


    Condividi
    o
    Commenta
    Condividi.png

    Due farmaci per l'artrite reumatoide diminuiscono la mortalità per Covid-19


    Lo studio clinico Remap-Cap mostra dati positivi per gli anticorpi monoclonali tocilizumab e sarilumab in pazienti in terapia intensiva. In Gran Bretagna via libera al loro utilizzo

    Buone notizie dal Regno Unito. Anche se la crisi del sistema sanitario è lungi dal rientrare, i risultati dello studio clinico Remap-Cap, resi pubblici dal governo, restituiscono un po’ di respiro. In più di un senso. Sembra infatti che la somministrazione di tocilizumab e sarilumab, due farmaci impiegati per il trattamento dell’artrite reumatoide, a pazienti Covid-19 in condizioni critiche diminuisca il tasso di mortalità rispetto alle cure standard dal 36% al 27%. Inoltre le persone trattate hanno potuto lasciare l’ospedale fino a 10 giorni prima.

    Dall’artrite reumatoide  a Covid-19

    Nell’ultimo anno i medici hanno imparato che il maggiore pericolo dell’infezione da coronavirus deriva dalla reazione spropositata del sistema immunitario di alcuni pazienti, che nel tentativo di debellare l’infezione provoca uno stato di iper-infiammazione che danneggia tessuti e organi. Capito questo, sono partite diverse sperimentazioni per valutare gli effetti del ricorso a farmaci antinfiammatori sull’evoluzione della malattia da coronavirus, ma finora solo l’impiego di cortisonici come il desametadone aveva dato qualche prova di efficacia in caso di malattia grave e critica.

    Almeno fino a oggi. Di recente, infatti, il governo britannico ha annunciato il successo dello studio clinico internazionale Remap-Cap, svoltosi in buona misura nel Regno Unito: lo studio ha dimostrato che somministrare da subito a pazienti Covid-19 in condizioni critiche (ricoverati in terapia intensiva con supporto respiratorio e danno d’organo) tocilizumab o sarilumab in aggiunta alle cure standard (che comprendono desametasone) ha effetti positivi sulla prognosi. 

    Tocilizumab e sarilumab sono farmaci antinfiammatori potenti per il trattamento dell’artrite reumatoide, una malattia infiammatoria autoimmune. Si tratta di anticorpi che agiscono bloccando l’effetto dell’interleuchina-6, una molecola che alimenta la risposta infiammatoria.

    Meno morti, più letti

    Lo studio internazionale ha coinvolto in totale 800 pazienti con Covid-19. Metà di loro è stata curata secondo il trattamento standard, l’altra metà, invece, ha ricevuto in aggiunta tocilizumab o sarilumab. Mentre nel gruppo in terapia standard la mortalità si è attestata al 36%, nel braccio del trial con trattamento aggiuntivo la mortalità si è fermata al 27%. Una riduzione significativa.

    Inoltre i pazienti trattati si sono ripresi più velocemente e sono stati in grado di lasciare l’ospedale da 6 a 10 giorni prima rispetto a quelli nel ramo di controllo.

    “Questo è un significativo passo avanti per aumentare la sopravvivenza dei pazienti in terapia intensiva con COVID-19”, ha commentato Jonathan Van-Tam, vicedirettore sanitario (Deputy Chief Medical Officer). “I dati mostrano che tocilizumab e probabilmente sarilumab (per il quale esistono meno dati, ndr) accelerano e migliorano le probabilità di recupero in terapia intensiva, che è fondamentale per aiutare ad alleviare la pressione su terapia intensiva e ospedali e per salvare vite umane”.

    E’ stato calcolato che, nonostante un singolo ciclo di terapia costi dalle 750 alle 1.000 sterline, la somministrazione permetterebbe comunque un notevole risparmio economico: si riducono i costi in terapia legati alla terapia intensiva (2.000 sterline al giorno per persona) e anche quelli della riabilitazione.



    Mi piace
    OK
    Questo post piace a: 3 Persona/e
    1. TopGan
    2. Florentina Trifonova
    3. Giuseppe Cappiello

    Nessuno ha commentato questo post

  5. In data 14/01/2021 09:29:57 a pubblicato
    TopGan
    TopGan


    Condividi
    o
    Commenta
    Condividi.png

    Renzi pensa alla popolarità e alla possibilità di crescere fregandosene dell'Italia.

    Renzi la fatto per avere popolarità e visibilità sapendo che in questo momento e impossibile andare al voto, perché per lui sarebbe una sconfitta visto che perderebbe tutto con il suo 2% e quindi non supererebbe la quota di sbarramento rimanendo fuori da tutto anche dall'opposizione. Per non parlare che non finirebbero nemmeno una legislatura con tutto quello che ne consegue "vitalizi...". Quindi per lui andare l'apposizione o a qualsiasi altro stratagemma facendo continuare questa legislature e una vittoria ed una opportunità di riconquistare consensi.
    Quindi ha pianificato facendo accordi con Salvini e sapendo che pure parte del PD l'avrebbe sostenuto.
    Perché proprio adesso? adesso perché è il momento più improbabile che si possa andare al voto e questo fatto gli permette di stare sicuro che molti parlamentari non lo abbandonano per la poltrona, ed è stato più facile accordarsi con Salvini e Berlusconi.
    Qualsiasi governo che si faccia con lui dentro è una vittoria perché sara sempre lui l'ago e quindi protagonista nel decidere la linea da seguire. L'unica sconfitta per lui è o un governo senza di lui o tornare al voto.
    L'Italia paga un prezzo altissimo ma purtroppo se non elimina il cancro di Renzi si deve andare al voto per eliminarlo visto che non si trovano responsabili. Altrimenti sarebbe ancora peggio restare immobilizzata dai ricatti e dalle imposizioni dell' agenda imposta da Renzi. Il rottamatone ha pianificato tutto dall'inizio di un anno fa visto che era stato messo fuori dalla porta della politica, a visto il modo di rientrare dalla finestra facendo l'accordo un anno fa per formare il governo per poi uscire dal suo partito formandone uno suo cosi che potesse essere l'ago della bilancia ed essere lui a dare le carte e dettare l'agenda del governo. Ecco perché questo governo non ha potuto fare molto andava con chi teneva il freno tirato con le suo minacce.


    Immagine Post
    Mi piace
    OK
    Questo post piace a: 3 Persona/e
    1. TopGan
    2. Florentina Trifonova
    3. Giuseppe Cappiello

    Questo post ha prodotto un commento.

Pagine: first pre 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 next last T.: 307

capabarra21lg.gif

LE TUE MANI

Grande è la gioia che provo quando posso stringere le tue mani.
Sento esprimere tutte le cose che non mi hai mai detto,
sento che ancora mi vuoi bene,
anche se non te l'ho mai chiesto.
Nelle tue mani ho messo il mio cuore
e tutto l'amore vero e sincero.
Il tempo è passato ma il mio sentimento non è mai cambiato è ancora forte e vivo.
Spero ancora di stringere le tue mani,
sentire che col pensiero mi sei vicina.
Ti prego! non negarmi la gioia di un tuo saluto
e la speranza che un giorno non lontano,
ancora io possa stringere le tue mani.

capabarra39ec.gif e-mail0.gif posta.jpg