logo
Newseletter Accedi Registrazione Lavora Con Noi Aiuto
topgan gmail facebook twitter linkedin instagram
logo in movimento
Logo
sito

La Bacheca del sito di TopGan da dove potete vedere quello che succede nel sito e potete postare quello che pensate e pubblicare i vostri articoli, annunci tutto gratuitamente.
Se volete condividere in questa bacheca il vostro sito o articolo e una pagina inserite questo codice qui sotto nel vostro sito o pagine da condividere e poi basta un click e tutto sarà condiviso.

Modificate la parte dove dice: Url della tua pagina con l’url da condividere.

<a title="Aggiungi a TopGan" rel="nofollow" target="_blank" href="https://www.topgan.it/sharing?url=Url della tua pagina"><img style="width: 100%" src="https://www.topgan.it/Images/topgan-logo-255x252.png" alt="topgan"></a>

Nuovo Post
annulla
  1. In data 04/10/2016 12:53:56 a pubblicato
    TopGan
    TopGan


    Condividi
    o
    Commenta
    Condividi.png

    I rom hanno milioni di euro all'estero. Ma in Italia vivono grazie a sussidi e case popolari

    Scoperto il tesoro della "regina degli zingari". Gli Halilovic vivono sulle spalle del sistema Italia ma in Croazia nascondono milioni di euro

    Il tesoro dei rom è nascosto in Croazia. Ingenti somme di denaro che appartengono a nomadi che vivono sulle spalle del sistema Italia, ma di cui fino a oggi non se ne conosceva l'esistenza.

    Grazie a un'operazione congiunta tra i pm torinesi e i magistrati croati, sono venuti alla luce conti correnti milionari intestati a rom che nel Belpaese godono di sussidi, case popolari e aiuti economici di ogni tipo. Tra questi furbetti, come rivela la Stampa, ci sono personaggi come Raselma Halilovic, bosniaca 66enne che vive tra le baracche di via Germagnano a Torino e che sul un conto corrente in Croazia ha depositato un milione e 35mila euro.

    L'inchiesta, condotta anche grazie all'aiuto di Eurojust, ha fatto luce sul tesoro da 5 milioni di euro che fa capo alla famiglia Halilovic. Raselma non è, infatti, l'unica ad avere da parte cifre spaventose e ingiustificate. Tra questi, si legge sulla Stampa, ci sono Bronzo Halilovic, che ha messo in banca 900mila euro, e Angela Halilovic, 36enne con precedenti per furto che a Torino riceve un sussidio mensile di 245 euro e sul conto ha 392mila euro. E ancora: Naim Halilovic gode di una casa popolare, nonostante abbia in banca 60mila euro. La moglie Susanna Salkanovic non è da meno: sul suo conto personale ha, infatti, altri 108mila euro.

    L'obiettivo della maxi inchiesta, coordinata dal procuratore aggiunto Alberto Perduca, era capire quali fossero le fonti di reddito dei rom. Come giustificare depositi bancari milionari di persone che non solo non lavorano ma che addirittura godono di sussidi economici pubblici? Immossibile, se non ipotizzando fonti di reddito illecite. Gli indagati appartengono quasi tutti alla famiglia Halilovic e vivono nei campi nomadi di Torino, Asti, Massa Carrara e Genova. A far scattare le indagini è stata Sena Halilovic. A Genova questa 60enne, che si nasconde sotto all'alias di Amela Seferovic, è conosciuta anche come la "regina degli zingari". Stando ai libri comunali, avrebbe sposato un italiano a cui nel corso degli anni ha intestato oltre 400 automobili.

    Sena Halilovic ha destato sospetto quando ha provato a prelevare 220mila euro alla Société Générale Splitska Banka dopo che ne aveva già portati all'estero 330mila. Come spiega laStampa, la cultura matriarcale dei korakhanè, nomadi di fede musulmana, considera la "regina" una sorta di capo dell'intera famiglia. Il clan di Sena Halilovic, che in Italia è compiuto i reati più disparati, ha a disposizione la bellezza di "4 milioni di euro, un castello a Mostar (in Bosnia-Erzegovina), una villa abusiva e terreni nelle campagne astigiane".



    Mi piace
    OK
    Questo post piace a: 1 Persona/e
    1. TopGan

    Nessuno ha commentato questo post

  2. In data 02/10/2016 11:34:11 a pubblicato
    TopGan
    TopGan


    Condividi
    o
    Commenta
    Condividi.png

    Inventa Un Pesticida Naturale Che Potrebbe Salvare Il Pianeta Ma Nessuno Ne Parla: Ecco Di Cosa Si Tratta

    Nel 2006 il micologo Paul Stamets ha ufficialmente ottenuto il brevetto per un bio-pesticida di sua invenzione ma quasi nessuno ha parlato della notizia. Quest'uomo infatti, che di funghi sa praticamente tutto, sta mettendo a rischio i guadagni delle grandi multinazionali che operano nel settore agrario come la nota azienda americana Monsanto: con la sua idea Stamets renderebbe praticamente inutile ricorrere all'uso di pesticidi chimici per proteggere le coltivazioni da cui dipendiamo così tanto.
    Paul Stamets è un esperto micologo: da più di 40 anni studia i funghi e nel 2006 ha ottenuto un brevetto che potrebbe cambiare il modo in cui concepiamo l'agricoltura.

    Il brevetto di Stamets prevede l'utilizzo di funghi entomopatogeni (che annientano gli insetti, ndr) in forma di pesticidi naturali. Stamets ha scoperto infatti che facendo crescere dei funghi pre-conidiali (privi di spore) sulle coltivazioni, essi attirano gli insettiche nutrendosi proprio di essi, si mummificano e divengono a loro volta dei funghi
    La loro matrice, inoltre, può essere essiccata, liofilizzata e trasformata in granuli ed eventualmente riattivata solo al momento del bisogno.

    Un metodo per non dover più usufruire di pesticidi chimici.

    I funghi entomopatogeni possono essere coltivati sul grano, sul legno, sugli scarti agricoli e su qualsiasi sostanza cellulosica e sono in grado di attirare più di 200.000 specie di insetti che altrimenti finirebbero per tentare di mangiare i prodotti delle coltivazioni umane.

    Le multinazionali tremano e fanno di tutto per evitare che se ne parli.

    Questo metodo, per sua natura permanentemente riproducibile, ci permetterebbe di fare a meno una volta per tutte dei pesticidi chimici che vengono oggi normalmente usati nelle grandi coltivazioni. Le multinazionali operanti nel settore come la Monsanto, però, sono talmente potenti da riuscire a evitare che certe notizie si diffondano.
    Permettere loro di continuare a presentare l'uso dei pesticidi nell'agricoltura moderna come una necessità non è più tollerabile

    L'uso dei pesticidi è alla base della moria delle api che potrebbe portare alla distruzione del nostro pianeta.

    I prodotti che questi colossi commerciali producono vengono utilizzati in tutto il mondo e oltre ad avvelenare ciò che mangiamo sono una delle cause maggiori della grave moria di api che affligge la Terra. 
    Condividiamo questa importante scoperta del micologo Stamets per contrastare l'azione di chi vuole solo tutelare i propri interessi a scapito della salute del prossimo e del bellissimo pianeta che ci ospita.



    Mi piace
    OK
    Questo post piace a: 1 Persona/e
    1. TopGan

    Nessuno ha commentato questo post

  3. In data 01/10/2016 12:00:46 a pubblicato
    TopGan
    TopGan


    Condividi
    o
    Commenta
    Condividi.png

    Terremoto, sciame sismico nello Stretto tra Messina e Reggio Calabria E qui dove si vuole costruire il Ponte!

    7 scosse in dieci minuti [MAPPE e DATI INGV]

    Terremoto, tante scosse nello Stretto di Messina: sciame sismico in mare, appena al largo della zona Sud di Reggio Calabria. Mappe e Dati INGV

    Trema la terra nello Stretto di Messina, in una delle zone a più alto rischio sismico d’Italia: dopo la lieve scossa sismica di stamattina, da pochi minuti sembra iniziato un vero e proprio sciame sismico al largo di Reggio Calabria, nella zona Sud della città dove in mare aperto si sono verificate beb sette scosse in 12 minuti. Questi i dati INGV:

    • ore 19:14 – magnitudo 2.3 a 9.6km di profondità
    • ore 19:17 – magnitudo 2.1 a 10.9km di profondità
    • ore 19:17 – magnitudo 2.2 a 9.6km di profondità
    • ore 19:19 – magnitudo 1.5 a 9.3km di profondità
    • ore 19:20 – magnitudo 1.8 a 9.6km di profondità
    • ore 19:23 – magnitudo 1.9 a 9.7km di profondità
    • ore 19:26 – magnitudo 1.6 a 9.3km di profondità

    Ponte sullo Stretto, “Renzi? O ha fatto una battuta o ci prende in giro. Qui le autostrade restano chiuse per frana”


    Intervista al sindaco di Messina Renato Accorinti: “Ho visto il premier poco tempo fa in Calabria e diceva che non era totalmente contrario al Ponte ma che prima ci volevano le infrastrutture. In ogni caso posso assicurare che non si farà mai. E’ bastato un semplice No di Virginia Raggi e le Olimpiadi di Roma sono evaporate. La teoria dei posti di lavoro? Ha rotto”
    “Io spero che quella di Matteo Renzi sia una battuta, anzi lo sarà sicuramente”. Altrimenti? “Altrimenti è un atteggiamento ingiusto oltre che offensivo”. È furioso Renato Accorinti, il sindaco di Messina che si è visto piovere dal nulla la riapertura da parte del premier alla costruzione del Ponte sullo Stretto.

    “Renzi l’ho visto poco tempo fa in Calabria per l’inaugurazione dell’elettrodotto Terna: diceva che non era totalmente contrario al Ponte ma che prima ci volevano le infrastrutture. Quindi o quella di oggi è una battuta o ci prende in giro”, dice il primo cittadino peloritano, raggiunto al telefono da ilfattoquotidiano.it.

    CONTINUA A LEGGERE


    Mi piace
    OK
    Questo post piace a: 1 Persona/e
    1. TopGan

    Nessuno ha commentato questo post

  4. In data 01/10/2016 09:17:41 a pubblicato
    TopGan
    TopGan


    Condividi
    o
    Commenta
    Condividi.png

    La Francia congela i finanziamenti alla Torino,-Lione, Scibona del M5S:"Tutto crolla"

    "Dopo centinaia di processi contro i NoTav viene data loro ragione dal Senato francese"




    Mi piace
    OK
    Questo post piace a: 1 Persona/e
    1. TopGan

    Nessuno ha commentato questo post

  5. In data 30/09/2016 06:09:12 a pubblicato
    TopGan
    TopGan


    Condividi
    o
    Commenta
    Condividi.png

    Stasera sera tutti con il naso all’insù: arriva la Luna Nera, ma c’è che teme il peggio

    In arrivo un raro fenomeno astronomico noto come Luna Nera, in cui il nostro satellite apparirà particolarmente scuro. Per molti si tratta di un presagio sulla fine del mondo
    Domani sera tutti con il naso all’insù: arriva la Luna Nera, ma c’è che teme il peggio. Stasera 30 settembre, è previsto,un raro fenomeno che secondo qualcuno potrebbe presagire la fine del mondo o la seconda venuta di  Cristo. In realtà si tratta di un, seppur raro, conosciuto fenomeno astronomico conosciuto come Luna Nera. Si verifica una volta ogni 32 mesi e avviene a causa del fatto che il lato illuminato della Luna finirà nel cono d'ombra della terra, per cui risulterà quasi invisibile nel cielo notturno.
    Tuttavia, la Luna non sarà nera in tutto il mondo: nell’emisfero occidentale infatti, la Luna nuova si alzerà nel cielo nella serata di venerdì 30 settembre e sarà classificata come nera, da noi nell’emisfero orientale si vedrà quando sarà già iniziato il mese di ottobre. Non bastano le spiegazioni scientifiche ai catastrofisti che non indietreggiano dalle loro posizioni e sostengono che a causa di altre attività celesti, stavolta sia speciale.
    Il primo giorno del mese di settembre, infatti, è stato possibile assistere ad un’eclissi di sole ad anaello, in cui Luna, Terra e Sole sono allineati. Questo evento, unito con la Luna Nera, fanno temere il peggio ai più pessimisti.



    Mi piace
    OK
    Questo post piace a: 1 Persona/e
    1. TopGan

    Nessuno ha commentato questo post

Pagine: first pre 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 next last T.: 342

capabarra21lg.gif

LE TUE MANI

Grande è la gioia che provo quando posso stringere le tue mani.
Sento esprimere tutte le cose che non mi hai mai detto,
sento che ancora mi vuoi bene,
anche se non te l'ho mai chiesto.
Nelle tue mani ho messo il mio cuore
e tutto l'amore vero e sincero.
Il tempo è passato ma il mio sentimento non è mai cambiato è ancora forte e vivo.
Spero ancora di stringere le tue mani,
sentire che col pensiero mi sei vicina.
Ti prego! non negarmi la gioia di un tuo saluto
e la speranza che un giorno non lontano,
ancora io possa stringere le tue mani.

capabarra39ec.gif e-mail0.gif posta.jpg