logo
Newseletter Accedi Registrazione Lavora Con Noi Aiuto


topgan gmail facebook twitter linkedin instagram

logo in movimento
Logo
sito

La Bacheca del sito di TopGan da dove potete vedere quello che succede nel sito e potete postare quello che pensate e pubblicare i vostri articoli, annunci tutto gratuitamente.
Se volete condividere in questa bacheca il vostro sito o articolo e una pagina inserite questo codice qui sotto nel vostro sito o pagine da condividere e poi basta un click e tutto sarà condiviso.

Modificate la parte dove dice: Url della tua pagina con l’url da condividere.

<a title="Aggiungi a TopGan" rel="nofollow" target="_blank" href="https://www.topgan.it/sharing?url=Url della tua pagina"><img style="width: 100%" src="https://www.topgan.it/Images/topgan-logo-255x252.png" alt="topgan"></a>

Nuovo Post
annulla
  1. In data 18/09/2021 14:32:52 a pubblicato
    TopGan
    TopGan


    Condividi
    o
    Commenta
    Condividi.png

    Un commento ad un lavoro dal titolo: donna di schiena


    donna di schiena
    donna di schiena
    Mi piace
    OK
    Questo post piace a: 1 Persona/e
    1. TopGan

    Nessuno ha commentato questo post

  2. In data 04/09/2021 07:18:34 a pubblicato
    TopGan
    TopGan


    Condividi
    o
    Commenta
    Condividi.png

    Sempre più soldi parcheggiati sui conti correnti.

    Così ogni anno gli italiani regalano 15 miliardi di euro alle banche

    Il valore dei conti correnti non vincolati di famiglie e imprese ha ormai superato i 1.500 miliardi di euro e continua a crescere da 5 anni. Sono remunerati da almeno 5 anni a zero e di fatto sono il grande regalo da 15 miliardi l’anno degli italiani ai conti delle banche

    Ormai il ritmo è di 10 miliardi di euro, poco più poco meno, ogni mese che passa. È il flusso dei depositi sui conti correnti in banca di imprese e famiglie italiane. Un flusso imponente senza sosta che dura da anni e che il Covid non ha fatto che aumentare. Quel profluvio di denaro liquido, che gli italiani affidano sui conti detenuti dalle banche, viaggia a ritmi vicini al 10% annuo e ha portato lo stock di risorse parcheggiate nei forzieri degli istituti a cifre che si avviano a valere il Prodotto interno lordo annuo dell’intero Paese.

    A giugno 2021, secondo l’ultima statistica di Banca d’Italia, le famiglie italiane avevano depositato sui conti correnti 1.131 miliardi, 64 miliardi in più rispetto a giugno del 2020. Le imprese d’altro canto, per esigenze di tesoreria, avevano sui conti correnti sempre a giugno di quest’anno 392 miliardi, 60 miliardi in più rispetto a 12 mesi prima. In totale tra famiglie e imprese giacciono su conti correnti ordinari oltre 1.500 miliardi di euro. Una massa di denaro fermo, eroso prima o poi dall’inflazione, e soprattutto a costo zero per le banche.

    Una montagna di denaro che la dice lunga sul pessimismo degli italiani rispetto al futuro che tende a far aumentare a dismisura le disponibilità liquide, non investite, prontamente smobilizzabili. Un sintomo della preoccupazione per i destini futuri e della sfiducia negli investimenti finanziari. Siano le obbligazioni che ormai non rendono nulla, siano le Borse (che continuano a salire, in assenza di alternative) cui il popolo dei risparmiatori italiani è da sempre poco avvezzo. Le imprese d’altro canto preferiscono accumulare liquidità, non investendo. E dare la colpa al Covid che ha rallentato i consumi, aumentando il tasso di risparmio è riduttivo.

    Sono ormai anni che si manifesta il trend del continuo aumento delle riserve liquide degli italiani. Basta sfogliare le statistiche dell’Abi per accorgersene. Secondo l’associazione delle banche italiane, il totale dei depositi, che forniscono la materia prima della raccolta bancaria e che include non solo i privati ma anche la pubblica amministrazione, ha toccato a giugno di quest’anno la cifra di ben 1.781 miliardi. Erano 1.636 un anno prima e addirittura “solo” 1.336 miliardi nel giugno del 2016. Un incremento formidabile di quasi 450 miliardi di euro in soli 5 anni delle somme tenute sui conti dall’universo Italia. Ben si comprende come il Covid abbia solo spinto ancor di più la tendenza degli italiani a tenere i soldi sotto il materasso bancario.



    Mi piace
    OK
    Questo post piace a: 1 Persona/e
    1. TopGan

    Questo post ha prodotto un commento.

  3. In data 26/08/2021 08:24:16 a pubblicato
    TopGan
    TopGan


    Condividi
    o
    Commenta
    Condividi.png

    Offerte di lavoro Amazon a Torino, Grugliasco e Torrazza Piemonte: le posizioni aperte

    Amazon è anche alla ricerca di operatori di magazzino per centri di distribuzione

    Amazon, azienda di commercio elettronico statunitense che nei mesi scorsi aveva annunciato di voler creare in Italia 3.000 nuovi posti di lavoro a tempo indeterminato nel 2021, cerca personale per le sue sedi di Torino e provincia (Grugliasco, Torrazza Piemonte e Rivalta di Torino). In questo periodo sono disponibili diverse opportunità di lavoro nel Torinese e in Piemonte (tra cui Asti e Vercelli).
    Le ultime posizioni aperte per le sedi di Torino: Research Scientist; System Engineering Manager; Senior Program Manager; Team Lead Operations; HR Leader North Italy - Amazon Logistics; Spanish Data Linguist.
    A Rivalta di Torino si cerca un Operation Manager, a Grugliasco sono ricercate tre figure: Team Lead Operation - Turin; Graduate Area Manager / Responsabile di Produzione; Operations and Logistics Internship
    Offerte di lavoro Amazon a Torrazza Piemonte: HR Partner; Loss Prevention Specialist; Workforce Staffing Manager - Turin; Supervisore Squadra di Manutenzione; RME Area Manager; Automation Engineer; IT Internship; RME Project Management Intern.
    Amazon è anche alla ricerca di operatori di magazzino per centri di distribuzione.



    Mi piace
    OK
    Questo post piace a: 1 Persona/e
    1. TopGan

    Nessuno ha commentato questo post

  4. In data 26/08/2021 07:53:53 a pubblicato
    TopGan
    TopGan


    Condividi
    o
    Commenta
    Condividi.png

    Cure con anticorpi monoclonali aperte a tutti in Veneto

    Mercoledì 25 agosto il presidente della Regione è intervenuto con la dottoressa Russo e il dottor Patrizio Sarto, cardiologo 7 volte campione del Mondo nel pattinaggio a rotelle e punto di riferimento per la Medicina dello Sport

    Nelle ultime 24 ore sono 5 i nuovi decessi per Covid registrati in Veneto. Questa notte a Rovigo un uomo di 54 anni, non vaccinato, ha perso la vita dopo essere finito in terapia intensiva senza nessuna patologia pregressa. Ricoverati in terapia intensiva un 32 enne, un 57 enne e un 71 enne tutti non vaccinati. In aumento anche i nuovi positivi: 847 in 24 ore. Le prenotazioni per le vaccinazioni stanno aumentando e da oggi abbiamo detto a tutti i centri vaccinali del Veneto di vaccinare senza prenotazione anche chi si presenterà a fine giornata, se saranno avanzate dosi disponibili». Inizia con queste parole, mercoledì 25 agosto, il nuovo punto stampa del presidente Zaia dalla sede della Protezione civile di Marghera. 

    «Sugli anticopri monoclonali il dottor Flor invierà in questi giorni una lettera a tutte le Ulss del Veneto perché Aifa ha deciso che si potranno somministrare a tutti i cittadini. Dopo essere risultati positivi al tampone molecolare, quindi, qualunque cittadino maggiorenne con sintomi potrà contattare il proprio medico di base e chiedere di essere inserito nel registro delle cure con gli anticorpi monoclonali. Io non tifo per la terza dose ma penso che il modello di Israele sta dimostrandone l'efficacia. Ora c'è bisogno che dal Ministero qualcuno ci indichi per tempo quanto dura la copertura anticorpale. Mi auguro che non arrivi l'ordine dal Governo di fare la terza dose di vaccino quando saremo a dicembre. Negli ospedali e nelle case di riposo abbiamo lavoratori e anziani che hanno ricevuto la prima dose di vaccino ormai quasi nove mesi fa» conclude il Governatore.

    Vaccini e reazioni avverse

    Dopo Zaia ha preso la parola la dottoressa Russo: «Sulle reazioni post-vaccino stiamo raccogliendo, con i centri dedicati come "Canale Verde" e nelle Ulss del territorio, le varie segnalazioni dei cittadini che hanno avuto reazioni avverse dopo la vaccinazione contro il Covid. Le segnalazioni ci sono arrivate da: medici di base, farmacisti, cittadini (2.738 casi) e altri operatori sanitari. Gli esperti di "Canale Verde" sono a disposizione anche per chiarire i dubbi e fornire assistenza ai cittadini che hanno avuto reazioni allergiche già dopo la prima dose. Inoltre la Regione è in grado di somministrare la vaccinazione in ambienti "protetti" per i cittadini più fragili. Dall'inizio della somministrazione dei vaccini il numero di segnalazioni è stato molto alto nelle prime fasi mentre ora sono in diminuzione.



    Mi piace
    OK
    Questo post piace a: 1 Persona/e
    1. TopGan

    Questa post ha prodotto 2 commenti.

  5. In data 24/08/2021 07:53:39 a pubblicato
    TopGan
    TopGan


    Condividi
    o
    Commenta
    Condividi.png

    Covid, la Cina ha azzerato i contagi dopo focolaio di variante Delta all’aeroporto di Nanchino


    Continua la campagna vaccinale: al 21 agosto erano oltre 1,92 miliardi le dosi di vaccini anti Covid-19 somministrate

    Test di massa e blocchi mirati alle attività. Così la Cina ha azzerato domenica i contagi a diffusione interna a un mese circa dall’accertamento di metà luglio del focolaio di variante Delta del Covid emerso all’aeroporto di Nanchino. Per la Commissione sanitaria nazionale, i casi importati sono stati 21 di cui 5 nel Guangdong, 4 a Shanghai, 3 sia a Tianjin sia nello Yunnan, 2 a Pechino e uno ciascuno nelle province di Shanxi, Zhejiang, Henan e Sichuan. Continua la campagna vaccinale: al 21 agosto erano oltre 1,92 miliardi le dosi di vaccini anti Covid-19 somministrate.

    Dalla Cina è arrivato lo studio che ha ipotizzato la mutazione, rilevata per la prima volta in India, potrebbe correre anche sulle gambe di persone che stanno apparentemente bene, ma in realtà hanno già il virus e ancora non lo hanno scoperto. Secondo l’analisi di un focolaio Covid che si è verificato nel Guangdong in Cina, le persone infette da questo mutante hanno maggiori probabilità di diffondere il virus prima di sviluppare i sintomi, rispetto chi si contagia con le versioni precedenti di Sars-CoV-2. E questo potrebbe succedere nel 74% dei casi. Il lavoro che porta un gruppo di scienziati a tale conclusione è citato in un articolo pubblicato online sulla rivista Nature.

    Benjamin Cowling, epidemiologo dell’Università di Hong Kong coautore dello studio non ancora sottoposto a revisione paritaria e pubblicato su una piattaforma di preprint (‘medRxiv’), ha preso in considerazione con i colleghi i dati dei test di 101 persone contagiate tra maggio e giugno nel Guangdong e i dati dei loro contatti stretti. Gli scienziati hanno scoperto che in media le persone avevano quasi 2 giorni (1,8) di tempo per liberare Rna virale prima di mostrare i segni di Covid. Una finestra pericolosa e più ampia rispetto a quella calcolata in epoca pre-Delta (che era di 0,8 giorni).

    I ricercatori hanno anche confermato che le persone infette da Delta avevano una carica virale più alta di quelli contagiati dal virus originario. E che i casi indice non vaccinati o con all’attivo solo la prima dose avevano maggiori probabilità di trasmettere l’infezione ai loro contatti rispetto a quelli che avevano ricevuto il ciclo completo a doppia dose. Il calcolo che viene riportato nel lavoro indicherebbe che il 74% delle infezioni da Delta si è verificato durante la fase pre-sintomatica (73,9%), una percentuale maggiore rispetto alle varianti precedenti. Questo alto tasso potrebbe aiutare a “spiegare come questa variante sia stata in grado di diventare il ceppo dominante in tutto il mondo“, afferma Barnaby Young, medico del Centro nazionale per le malattie infettive di Singapore.



    Mi piace
    OK
    Questo post piace a: 1 Persona/e
    1. TopGan

    Questo post ha prodotto un commento.

Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 next last T.: 326

capabarra21lg.gif

LE TUE MANI

Grande è la gioia che provo quando posso stringere le tue mani.
Sento esprimere tutte le cose che non mi hai mai detto,
sento che ancora mi vuoi bene,
anche se non te l'ho mai chiesto.
Nelle tue mani ho messo il mio cuore
e tutto l'amore vero e sincero.
Il tempo è passato ma il mio sentimento non è mai cambiato è ancora forte e vivo.
Spero ancora di stringere le tue mani,
sentire che col pensiero mi sei vicina.
Ti prego! non negarmi la gioia di un tuo saluto
e la speranza che un giorno non lontano,
ancora io possa stringere le tue mani.

capabarra39ec.gif e-mail0.gif posta.jpg