logo
Newseletter Accedi Registrazione Lavora Con Noi Aiuto
topgan gmail facebook twitter linkedin instagram
logo in movimento
Logo
sito

La Bacheca del sito di TopGan da dove potete vedere quello che succede nel sito e potete postare quello che pensate e pubblicare i vostri articoli, annunci tutto gratuitamente.
Se volete condividere in questa bacheca il vostro sito o articolo e una pagina inserite questo codice qui sotto nel vostro sito o pagine da condividere e poi basta un click e tutto sarà condiviso.

Modificate la parte dove dice: Url della tua pagina con l’url da condividere.

<a title="Aggiungi a TopGan" rel="nofollow" target="_blank" href="https://www.topgan.it/sharing?url=Url della tua pagina"><img style="width: 100%" src="https://www.topgan.it/Images/topgan-logo-255x252.png" alt="topgan"></a>

Nuovo Post
annulla
  1. In data 02/10/2020 16:33:11 a pubblicato
    TopGan
    TopGan


    Condividi
    o
    Commenta
    Condividi.png

    L’operazione 110% in rampa di lancio

    Entro lunedì 5 ottobre approderanno in Gazzetta Ufficiale i due decreti del ministero dello sviluppo economico e del ministero dell’economia sugli aspetti tecnici e sulle asseverazioni del superbonus per l’efficientamento energetico

    L'operazione 110% in rampa di lancio. Entro lunedì 5 ottobre approderanno in Gazzetta Ufficiale i due decreti del ministero dello sviluppo economico e del ministero dell'economia sugli aspetti tecnici e sulle asseverazioni del superbonus per l'efficientamento energetico. Un tassello di non poco conto nel puzzle degli adempimenti, visto che consentirà nei fatti di dare il via libera ai lavori finora allo stato di preventivi, studi di fattibilità, procedure di ricognizione. Altro appuntamento importante sarà il prossimo 15 ottobre quando anche l'Agenzia delle entrate renderà fruibile la piattaforma su cui transiteranno le comunicazioni e le informazioni sulla cedibilità dei crediti di imposta legati a tutte le agevolazioni delle ristrutturazioni edilizie e anche al superbonus.

    La strada della pubblicazione è stata in salita, considerato che si aspettava l'ufficialità già al 16 settembre, giorno in cui la Corte dei conti ha provveduto alla registrazione degli atti ma, allo stesso tempo ha sollevato alcune osservazioni di coordinamento su aspetti tecnici delle disposizioni. Rilievi che hanno toccato anche l'aspetto finale della modulistica (si veda ItaliaOggi del 26/9/20). I due decreti dunque sono ripartiti dalla casella del ministero che dovrebbe aver apportato le correzioni, rimandando tutto per la pubblicazione. Secondo le indicazioni del ministero guidato da Stefano Patuanelli, senza altri stop l'ultimo sigillo dell'ufficialità arriverà appunto entro lunedì.

    Sul superbonus il ministro ha rilanciato all'assemblea di Confindustria (si veda ItaliaOggi del 30/9/20) l'intenzione di trasformare l'intervento in misura permanente e strutturale, creando un vero e proprio testo unico di tutta la normativa fiscale sulle agevolazioni edilizie e i crediti di imposta ad essa legata. Nel breve periodo c'è comunque l'intenzione di prorogare la durata della misura già in legge di bilancio. Prende tempo invece il ministro dell'economia Roberto Gualtieri che, sollecitato ieri in audizione al Senato da Gabriella Giammanco (Forza Italia) sulla stabilizzazione della misura, ha precisato che «non ancora è stato definito uno schema di piano, invito a diffidare di anticipazioni. Vogliamo un piano organico e coerente».

    I due provvedimenti attesi per la pubblicazione affrontano uno i requisiti tecnici l'altro il capitolo delle asseverazioni e dei controlli. Nel primo provvedimento sono regolamentati i requisiti degli interventi e sulla congruità delle spese sostenute, misure poste in essere per evitare distorsioni sul mercato dei beni legati all'edilizia. Nel secondo caso il decreto contiene la modulistica sullo stato di avanzamento e la chiusura dei lavori ad opera del professionista certificato. La procedura sarà effettuata interamente online sulla piattaforma che sta predisponendo Enea. I modelli saranno certificati con numero di protocollo elettronico, un sigillo di garanzia per evitare truffe e falsi e che consentirà di utilizzarli nella fase della cessione del credito o dello sconto in fattura. Sulle asseverazioni Enea condurrà dei controlli a campione per la verifica dei requisiti.



    Immagine Post
    Mi piace
    OK
    Questo post piace a: 1 Persona/e
    1. TopGan

    Nessuno ha commentato questo post

  2. In data 02/10/2020 10:09:30 a pubblicato
    TopGan
    TopGan


    Condividi
    o
    Commenta
    Condividi.png

    Cambia il codice della strada, arriva la PEC obbligatoria

    Nella riforma del codice della strada in discussione in Parlamento spunta la proposta di rendere la PEC obbligatoria per gli automobilisti

    Tra i provvedimenti della riforma del Codice della Strada in discussione alla Camera dei deputati, rientra anche la proposta presentata da CNEL, il Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro, per rendere obbligatoria la PEC per tutti gli automobilisti, così da utilizzare uno strumento certificato e veloce tramite il quale inviare multe e contravvenzioni.

    Cambia il codice della strada, arriva la PEC obbligatoria: il perché della proposta

    Nelle intenzioni del CNEL infatti il primo obiettivo è quello di rendere più automatizzata e quindi rapida l’operazione utilizzando la Posta Elettronica Certificata. Tramite questo sistema, l’invio della comunicazione sarebbe immediato e soprattuto tracciabile, grazie all’indicazione su quando è stato inviato e quando è stato ricevuto il messaggio di posta.

    Come per ogni PEC, anche le multe ricevute nella casella dell’utente sono considerate consegnate anche se il messaggio non viene letto. Come se non aprissimo la busta ricevuta con la contravvenzione all’interno, la notifica è valida lo stesso e il decorrere dei tempi per il pagamento iniziano da quel momento.

    Cambia il codice della strada, arriva la PEC obbligatoria: i vantaggi

    Sarebbero ridotti in questo modo i contenziosi relativi al sistema attuale di notifica della multa al cittadino, che in questo modo, in caso di mancata consegna di contravvenzione e verbale, non sarebbe costretto a impiegare del tempo per recarsi negli uffici postali a ritirarli di persona.

    Inoltre per l’automobilista si risparmierebbero i circa 10 euro di spese di notifica comprese in ogni contravvenzione, previste per la spedizione tramite raccomandata A/R.

    Se approvata la norma andrebbe a modificare l’articolo 80 del Codice della Strada, quello relativo alla revisione dei veicoli, disponendo che “all’atto dell’immatricolazione dei veicoli, ovvero della revisione periodica degli stessi, il proprietario comunica il proprio indirizzo di posta elettronica certificata ai fini delle notificazioni di cui all’articolo 201 ed alle disposizioni del decreto interministeriale 18 dicembre 2017“.

    Nel caso particolare dei professionisti iscritti al proprio Albo, questa misura è già valida a partire dal primo ottobre, in quanto obbligati da questa data dalla legge a possedere un indirizzo di posta certificata per le comunicazioni professionali.

    Per queste categorie infatti la PEC ha lo stesso valore del “domicilio digitale” e, motivo per il quale in caso di contravvenzione gli accertatori sono autorizzati a notificare il verbale direttamente all’indirizzo di posta certificata indicata dal professionista. Se ne sono sprovvisti potrebbero rischiare anche la sospensione dall’Albo.



    Immagine Post
    Mi piace
    OK
    Questo post piace a: 1 Persona/e
    1. TopGan

    Nessuno ha commentato questo post

  3. In data 01/10/2020 17:12:07 a pubblicato
    Fiammetta Filippi PT
    Fiammetta Filippi PT


    Condividi
    o
    Commenta
    Condividi.png

    Un commento alla Foto di: Fiammetta Filippi PT

    Fiametta Filippi11
    Fiametta Filippi11

    Mi piace
    OK
    Questo post piace a: 1 Persona/e
    1. TopGan

    Nessuno ha commentato questo post

  4. In data 01/10/2020 07:01:01 a pubblicato
    TopGan
    TopGan


    Condividi
    o
    Commenta
    Condividi.png

    I blocchi del traffico dal 1° ottobre | Regione Piemonte | Piemonteinforma | Regione Piemonte

    Partono domani i blocchi previsti dalla Regione del Presidente Alberto Cirio.
    Valgono anche a Torino e in molte altre città.



    Immagine Post
    Mi piace
    OK
    Questo post piace a: 1 Persona/e
    1. TopGan

    Nessuno ha commentato questo post

  5. In data 30/09/2020 17:54:39 a pubblicato
    TopGan
    TopGan


    Condividi
    o
    Commenta
    Condividi.png

    Chiara Appendino

    Mi chiamo Chiara Appendino, classe 1984, sono nata a Moncalieri (TO) e vivo a Torino.
    Sono sposata con Marco che ha 3 anni più di me, fa l’imprenditore e abbiamo una figlia di nome Sara nata il 19 gennaio 2016.

    Una volta diplomatami al liceo classico, ho conseguito la laurea in Economia Internazionale e Management all’Università “Bocconi” di Milano (Italia) e successivamente mi sono specializzata in pianificazione e controllo di gestione aziendale.

    Nell’ultimo anno di università ho avuto la possibilità di effettuare uno stage in Juventus S.p.a. , dove ho preparato una tesi dal titolo La valutazione del parco calciatori.




    Mi piace
    OK
    Questo post piace a: 1 Persona/e
    1. TopGan

    Nessuno ha commentato questo post

Pagine: first pre 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 next last T.: 342

capabarra21lg.gif

LE TUE MANI

Grande è la gioia che provo quando posso stringere le tue mani.
Sento esprimere tutte le cose che non mi hai mai detto,
sento che ancora mi vuoi bene,
anche se non te l'ho mai chiesto.
Nelle tue mani ho messo il mio cuore
e tutto l'amore vero e sincero.
Il tempo è passato ma il mio sentimento non è mai cambiato è ancora forte e vivo.
Spero ancora di stringere le tue mani,
sentire che col pensiero mi sei vicina.
Ti prego! non negarmi la gioia di un tuo saluto
e la speranza che un giorno non lontano,
ancora io possa stringere le tue mani.

capabarra39ec.gif e-mail0.gif posta.jpg