logo
Newseletter Accedi Registrazione Lavora Con Noi Aiuto
topgan gmail facebook twitter linkedin instagram
logo in movimento
Logo
sito

La Bacheca del sito di TopGan da dove potete vedere quello che succede nel sito e potete postare quello che pensate e pubblicare i vostri articoli, annunci tutto gratuitamente.
Se volete condividere in questa bacheca il vostro sito o articolo e una pagina inserite questo codice qui sotto nel vostro sito o pagine da condividere e poi basta un click e tutto sarà condiviso.

Modificate la parte dove dice: Url della tua pagina con l’url da condividere.

<a title="Aggiungi a TopGan" rel="nofollow" target="_blank" href="https://www.topgan.it/sharing?url=Url della tua pagina"><img style="width: 100%" src="https://www.topgan.it/Images/topgan-logo-255x252.png" alt="topgan"></a>

Nuovo Post
annulla
  1. In data 18/07/2021 09:05:43 a pubblicato
    Chiara Appendino
    Chiara Appendino


    Condividi
    o
    Commenta
    Condividi.png

    5 anni dopo | Chiara Appendino

    Come è cambiata Torino in questi 5 anni?


    Immagine Post
    Mi piace
    OK
    Questo post piace a: 2 Persona/e
    1. TopGan
    2. Johanna

    Nessuno ha commentato questo post

  2. In data 23/07/2021 07:13:21 a pubblicato
    Cappiello Salvatore
    Cappiello Salvatore


    Condividi
    o
    Commenta
    Condividi.png

    Focaccia con pomodorini e olive

    La Focaccia con pomodorini e olive è un lievitato molto semplice, sia nella preparazione che nel condimento. Ottima anche da preparare per la merenda dei ragazzi, che amano molto questi sapori. Soffice e profumata, se tagliata a cubetti, poi, si può anche servire in occasione di un aperitivo o di un buffet.



    Mi piace
    OK
    Questo post piace a: 2 Persona/e
    1. TopGan
    2. Johanna

    Nessuno ha commentato questo post

  3. In data 29/07/2021 06:32:48 a pubblicato
    TopGan
    TopGan


    Condividi
    o
    Commenta
    Condividi.png

    Un commento al Profilo di: Francesca Sorriso

    Francesca Sorriso
    Francesca Sorriso
    Mi piace
    OK
    Questo post piace a: 2 Persona/e
    1. TopGan
    2. Johanna

    Nessuno ha commentato questo post

  4. In data 29/07/2021 19:01:20 a pubblicato
    TopGan
    TopGan


    Condividi
    o
    Commenta
    Condividi.png

    Torino – Nasce la nuova foresta metropolitana da 11mila alberi alle porte della città- Il progetto

    Una nuova foresta metropolitana da circa 11 mila alberi sorgerà alle porte di Torino. Il nuovo progetto green, con la creazione di un nuovo bosco in città, vedrà protagonista Collegno: obiettivo è dare un polmone verde ai residenti, spazi nella natura per tutti gli abitanti e abbattere l’inquinamento, ridisegnando l’urbanistica della città con attenzione all’ambiente.

    La nuova foresta urbana, in particolare, sarà una delle più grandi zone boschive della zona, con un’ area di oltre 120 mila metri quadri.

    Il progetto si svilupperà grazie ad un bando lanciato dal governo, dal  Ministero della Transizione Ecologica, e vinto dal Comune di Collegno dopo la stesura di 5 dossier.

    Le operazioni per la realizzazione della nuova vasta area inizieranno nei prossimi mesi e saranno curati direttamente dal governo.



    Immagine Post
    Mi piace
    OK
    Questo post piace a: 2 Persona/e
    1. TopGan
    2. Johanna

    Nessuno ha commentato questo post

  5. In data 01/08/2021 08:38:35 a pubblicato
    TopGan
    TopGan


    Condividi
    o
    Commenta
    Condividi.png

    Monoclonali ai soggetti sani: la svolta dello Spallanzani

    «Ora i no-vax non hanno più scuse», dice Francesco Vaia, il direttore sanitario dello Spallanzani. L’istituto nazionale delle malattie infettive è vicino a un punto di svolta per la lotta al Covid. È pronto a somministrare i monoclonali a soggetti sani. Una «via parallela al vaccino», spiega Vaia, per raggiungere l’immunità. Gli anticorpi che hanno dato ottimi risultati tra i contagiati - riducono fino all’80% il rischio di ricovero in ospedale, in particolare in terapia intensiva - potranno essere sfruttati anche «come profilassi», in via preventiva, per chi non è malato. La ricerca è già in fase avanzata: «Contiamo di essere pronti per settembre», spiega Vaia.

    La sperimentazione dello Spallanzani riguarda in prima battuta i soggetti «non-responder», chi non è in grado di produrre anticorpi in autonomia. Per esempio chi è guarito dal Covid o chi ha fatto il vaccino ma non ha sviluppato livelli di difesa abbastanza alti. Ma è ovvio che se la strategia funzionasse potrebbe essere applicata anche su larga scala, diversi scienziati credono che in futuro i monoclonali possano diventare un’arma molto potente e diffusa anche per la prevenzione del coronavirus, come già lo è oggi per le cure. Non significa naturalmente sminuire o marginalizzare il ruolo del vaccino. Tutt’altro. Dice sempre Vaia: «Il vaccino e gli anticorpi sono due armi parallele per battere il Covid. E in questa fase è fondamentale spingere al massimo le vaccinazioni, richiami compresi, per far sì che tutti siano protetti». Fatta questa premessa, il direttore sanitario dell’istituto di malattie infettive spiega con parole comprensibili a chiunque il tema della ricerca: «Il vaccino, lo sappiamo, è in grado di produrre anticorpi per evitare che nel paziente, in caso di contagio, si sviluppi la malattia grave e quindi il ricovero in ospedale. Ma non tutti sono in grado di produrre questi anticorpi o di produrne abbastanza. Per questo parliamo ora di monoclonali come profilassi. Per questi soggetti, ci sarà la possibilità di ricevere direttamente i monoclonali, si tratterebbe della cosiddetta immunità passiva».

    La sperimentazione Il meccanismo è chiaro: anziché far lavorare l’organismo, facendogli produrre gli anticorpi da sé, arriverebbe l’infusione con gli anticorpi già formati. «Dobbiamo anche considerare un altro aspetto - riprende Vaia - alcune persone producono anticorpi ma non quelli “neutralizzanti”, che sono in grado di bloccare la proteina Spike». Il principale meccanismo con cui il virus si aggancia alle cellule bersaglio del corpo umano. Ecco allora la «via parallela» dei monoclonali per raggiungere l’immunità. L’ipotesi allo studio dello Spallanzani è che con questo tipo di profilassi la protezione possa durare 6 mesi. Alla ricerca del polo d’eccellenza del Portuense stanno lavorando scienziati di fama internazionale, come Rino Rappuoli della Toscana Life Sciences, professore di Vaccines Research all’Imperial College di Londra. «Entro settembre contiamo di essere pronti con i risultati», conclude Vaia.

    Nel frattempo procede la ricerca sulle cure, per rendere i monoclonali sempre più efficaci nel contrastare la malattia. Lo Spallanzani ha avviato la fase 3 della sperimentazione sui monoclonali di seconda generazione, un progetto a cui partecipano istituti di tutta Italia. Nel frattempo, anche su spinta della Regione, è stato ampliato l’utilizzo dei monoclonali della prima, di generazione. Tra questi, quello che sta dando maggiori risultati nella lotta alla variante Delta è il «Regeneron». Somministrato anche a Trump.



    Immagine Post
    Mi piace
    OK
    Questo post piace a: 2 Persona/e
    1. TopGan
    2. Johanna

    Nessuno ha commentato questo post

Pagine: first pre 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 next last T.: 339

capabarra21lg.gif

LE TUE MANI

Grande è la gioia che provo quando posso stringere le tue mani.
Sento esprimere tutte le cose che non mi hai mai detto,
sento che ancora mi vuoi bene,
anche se non te l'ho mai chiesto.
Nelle tue mani ho messo il mio cuore
e tutto l'amore vero e sincero.
Il tempo è passato ma il mio sentimento non è mai cambiato è ancora forte e vivo.
Spero ancora di stringere le tue mani,
sentire che col pensiero mi sei vicina.
Ti prego! non negarmi la gioia di un tuo saluto
e la speranza che un giorno non lontano,
ancora io possa stringere le tue mani.

capabarra39ec.gif e-mail0.gif posta.jpg