logo
Newseletter Accedi Registrazione Lavora Con Noi Aiuto
topgan gmail facebook twitter linkedin instagram
logo in movimento
Logo
sito

La Bacheca del sito di TopGan da dove potete vedere quello che succede nel sito e potete postare quello che pensate e pubblicare i vostri articoli, annunci tutto gratuitamente.
Se volete condividere in questa bacheca il vostro sito o articolo e una pagina inserite questo codice qui sotto nel vostro sito o pagine da condividere e poi basta un click e tutto sarà condiviso.

Modificate la parte dove dice: Url della tua pagina con l’url da condividere.

<a title="Aggiungi a TopGan" rel="nofollow" target="_blank" href="https://www.topgan.it/sharing?url=Url della tua pagina"><img style="width: 100%" src="https://www.topgan.it/Images/topgan-logo-255x252.png" alt="topgan"></a>

Nuovo Post
annulla
  1. In data 15/10/2016 18:22:04 a pubblicato
    TopGan
    TopGan


    Condividi
    o
    Commenta
    Condividi.png

    No, non è stata una tromba d’aria! in Liguria Ecco cos’è successo

    L’intensa fase di maltempo si è ormai conclusa lasciando dietro di sé diversi danni causati principalmente dal vento, il protagonista assoluto della giornata di ieri. Numerosi mezzi d’informazione hanno riportato il passaggio di una tromba d’aria sul centro-levante della regione, ma non è andata così. Quindi cos’è successo?

    L’intensa linea temporalesca, che si è venuta a formare al passaggio del fronte, ha determinato lo sviluppo di un intensodownburst. Di cosa si tratta? All’interno di un temporale può capitare che della grandine o gocce d’acqua molto grosse, possano entrare in una colonna d’aria molto secca. Qui l’acqua evapora e il ghiaccio fonde con il risultato di raffreddare molto l’aria. Questa, essendo più densa di quella circostante, precipita violentemente al suolo (spesso accompagnata da pioggia) e una volta che raggiunge il suolo si espande orizzontalmente, o meglio radialmente. Quello che si osserva al suolo è dunque un forte vento orizzontale.

    Per immaginare questa situazione potete pensare a svuotare violentemente un secchiello pieno d’acqua per terra. Appena l’acqua tocca il suolo, schizza velocissima in tutte le direzione. Ecco questo è quello che è successo ieri, con la differenza che il secchiello era composto da un mix di acqua e aria (quindi vento).

    Sebbene gli effetti possano essere simili (anche se più estesi) a quelli provocati da una tromba d’aria poco inetnsa, non va confusa con quest’ultima perché non vi è un moto rotatorio.



    Mi piace
    OK
    Questo post piace a: 2 Persona/e
    1. TopGan
    2. Federica Vinci

    Nessuno ha commentato questo post

  2. In data 15/10/2016 12:29:19 a pubblicato
    TopGan
    TopGan


    Condividi
    o
    Commenta
    Condividi.png

    GOVERNO VARA PIANO AIUTI A CLANDESTINI: 3mila euro a testa per rinpatriarli

    Il governo ha deciso di non espellere più i clandestini, ma di varare un progetto che incentivi i clandestini a tornarsene a casa da soli.
    Bello, dirette voi. Peccato che per rimandare a casa chi potrebbe essere semplicemente imbarcato su un aereo, finiremo invece per pagare milioni di euro.
    Il piano riguarda ritorni volontari di clandestini provenienti da Colombia, Ecuador, Perù, Ghana, Marocco, Nigeria e Senegal attraverso un reinserimento socio-economico che prevederà, oltre al pagamento delle spese di viaggio:
    un primo contributo di 400 euro per le spese di prima necessità e un secondo contributo per l’attuazione dei piani di reintegrazione di 1.600 euro per singoli o capofamiglia, integrato di altri 800 euro per ogni persona maggiorenne a carico e di altri 480 euro per i minorenni a carico.
    Inutile dire che non farà altro che invogliare a venire in Italia come clandestini, tanto poi, ‘male’ che vada, ti rimandano a casa con un ricco assegno di 3mila euro.
    A denunciare questa ennesima assurdità è il deputato leghista Paolo Grimoldi. Che sbotta: “È una follia. Queste persone si possono rimpatriare gratis, senza dargli un centesimo. Mettiamole sugli aerei e rispediamole a casa loro”. Basta fare un paio di calcoli per capire che il sistema non regge: per gli immigrati con una famiglia numerosa al seguito il contributo offerto dal Viminale, pagato con i soldi dei contribuenti italiani, potrebbe arrivare anche oltre i 3.000 euro. “Questi soldi – aggiunge Grimoldi – si potrebbero usare per aiutare i nostri anziani in difficoltà, chi è in difficoltà abitativa, chi è disoccupato o chi ha in casa una persona malata o grave disabilità o i lavoratori precoci e non trova aiuti dallo Stato o dagli enti locali”.

    COMMENTATE DICENDO LA VOSTRA.


    Mi piace
    OK
    Questo post piace a: 2 Persona/e
    1. TopGan
    2. Federica Vinci

    Nessuno ha commentato questo post

  3. In data 15/10/2016 12:10:59 a pubblicato
    TopGan
    TopGan


    Condividi
    o
    Commenta
    Condividi.png

    Meteo, neve rossa su Bardonecchia: ne sono scesi 20 centimetri

    Nel Torinese sabato il tempo andrà migliorando e domenica il cielo sarà generalmente sereno o poco nuvoloso

    La neve scesa su Bardonecchia è rossa. Non si tratta di una contaminazione con il terreno o del fenomeno di colorazione causato da organismi unicellulari che si verifica esclusivamente in alta montagna e nelle regioni polari, ma la presenza di neve rossa è dovuta a polveri sahariane contenute in relazione alle forti correnti sciroccali in quota.

    La coltre colorata “neve rossa sahariana” è caduta sui settori meridionali e occidentali di confine, in particolare proprio a Bardonecchia dove ne sono scesi 20 centimetri. 

    Negli ultimi due giorni oltre i 1.000 metri di quota in Piemonte è nevicato un po’ ovunque e anche in pianura le temperature sono scese al punto da essere proiettati direttamente in inverno. Invece l’incredibile ottobre regalerà ancora delle sorprese, anche in città.

    Dopo le precipitazioni mediamente moderate, di giovedì e venerdì, è previsto per il fine settimana il ritorno alle temperature autunnali, anche fino a 18°. A Torino sabato le nubi saranno in graduale dissoluzione, mentre domenica è attesa una giornata con cielo in prevalenza sereno.



    Mi piace
    OK
    Questo post piace a: 1 Persona/e
    1. TopGan

    Nessuno ha commentato questo post

  4. In data 14/10/2016 18:28:39 a pubblicato
    TopGan
    TopGan


    Condividi
    o
    Commenta
    Condividi.png

    “Dimenticate Roma e Milano: Torino è un incanto”. Parola degli irlandesi

    La prima capitale d’Italia piace all’Independent per stile e sapori. Bocciati i trasporti

    «Dimenticate Roma e Milano. Ecco una gustosa (e meno affollata) pausa italiana: Torino». A consigliare ai suoi lettori un fine settimana sabaudo è l’Irish Independent, il più venduto quotidiano irlandese.  

    Torino viene definita dalla giornalista Isabel Conway «un incanto. La prima capitale d’Italia è meno soffocante di Milano, meno affollata di Roma, e più saporita di entrambe». Nell’articolo racconta il suo fine settimana in città, elencando locali e altri consigli pratici.  

    A stupirla è in particolare «The apericena», che ha definito «un istituzione di Torino». Racconta la storia della Sindone, «nascosta all’interno di un cofanettonel magnifico Duomo di Torino. Una copia dettagliata può essere esaminata nella cappella adiacente al Museo della Sindone, in via San Domenico, però».  

    Per il capitolo «Guilty Pleasure», i piaceri proibiti, la giornalista ha deciso di fotografare i l mitico Bicerin affianco ad una copia de La Stampa, sul tavolino di un bar del centro. Ma non è mancata la nota negativa: un «glitch», un problema tecnico, nei trasporti. «Il tempo e lo spazio sembrano nozioni relative in Italia - si legge -. Un funzionario dell’aeroporto ci ha guidato ad un treno inesistente, i nostri biglietti erano non trasferibili e abbiamo finito per sborsare di nuovo per salire su uno degli intermittenti autobus per la città del sabato».



    Mi piace
    OK
    Questo post piace a: 1 Persona/e
    1. TopGan

    Nessuno ha commentato questo post

  5. In data 13/10/2016 21:05:46 a pubblicato
    TopGan
    TopGan


    Condividi
    o
    Commenta
    Condividi.png

    Altre 48 ore di maltempo, poi il termometro toccherà i 20 gradi

    Le precipitazioni previste saranno mediamente moderate. La quota delle nevicate è attesa intorno ai 1200 metri

    Poco sole e tanto freddo. Più che in autunno sembra di essere a dicembre. E' questo l'incredibile ottobre della città di Torino. E non è finita qua. L’arrivo di una perturbazione atlantica determina un peggioramento delle condizioni atmosferiche a partire dalla tarda serata di oggi fino alla serata di venerdì 14 ottobre.

    Le precipitazioni previste saranno mediamente moderate, con picchi localmente forti su Alpi Marittime nella giornata di giovedì. La quota delle nevicate è attesa intorno ai 1200 metri.

    Al valico del colle di Tenda, a circa 1300 metri di quota, saranno possibili accumuli di neve al suolo dai 10 ai 20 centimetri, con trasformazione in pioggia delle precipitazioni a partire dal tardo pomeriggio di giovedì 13 ottobre.

    Sul Colle della Maddalena, a circa 2000 metri, nel corso della giornata di giovedìsono previsti accumuli intorno ai 40 centimetri di neve, più altri 10-15 centimetri nella mattinata di venerdì, per poi mutare in pioggia.

    L’imbocco del tunnel stradale del Frejus verrà interessato da deboli precipitazioni nevose tra la mattina e il pomeriggio di giovedì, con un massimo di 10-15 cm di accumulo. Da sabato tempo in miglioramento. Domenica attesi addirittura 21 gradi.



    Mi piace
    OK
    Questo post piace a: 1 Persona/e
    1. TopGan

    Nessuno ha commentato questo post

Pagine: first pre 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 next last T.: 343

capabarra21lg.gif

LE TUE MANI

Grande è la gioia che provo quando posso stringere le tue mani.
Sento esprimere tutte le cose che non mi hai mai detto,
sento che ancora mi vuoi bene,
anche se non te l'ho mai chiesto.
Nelle tue mani ho messo il mio cuore
e tutto l'amore vero e sincero.
Il tempo è passato ma il mio sentimento non è mai cambiato è ancora forte e vivo.
Spero ancora di stringere le tue mani,
sentire che col pensiero mi sei vicina.
Ti prego! non negarmi la gioia di un tuo saluto
e la speranza che un giorno non lontano,
ancora io possa stringere le tue mani.

capabarra39ec.gif e-mail0.gif posta.jpg