Condividi: facebook twitter

Perche i cognomi sono numerosi

Perché i cognomi italiani sono cosi numerosi?

I cognomi in Italia, sommando le micro varianti grafiche, possono essere stimati in circa 350 mila, molto più numerosi rispetto ad altri Paesi. Le ragioni si trovano non solo nella storia della società e dei costumi, ma anche nella storia della lingua italiana.

Una prima ragione è infatti di tipo fonetico. In Italia, al contrario di quanto avvenuto per il francese o il tedesco, una lingua nazionale si è imposta solo negli ultimi decenni dell'Ottocento. Questo ha naturalmente favorito la conservazione di forme onomastiche dialettali, che si affiancano a quelle invece che sono state regolarizzazione e standardizzante, cioè "tradotte" in italiano.

Una seconda motivazione risale all'usanza medievale di assegnare a membri della stessa famiglia un medesimo nome, diverso soltanto per il suffisso. La grande ricchezza dei suffissi della lingua e dei dialetti italiani ha consentito una notevole pluralità di forme, con i suffissi - ino, -etto, -ello, -one, -uccio, -ozzo, ecc.

Una terza ragione per giustificare tanta varietà di cognomi è nell'abbondanza e nella ricchezza dei nomi di battesimo italiani e dall'abitudine, già diffusissima nel Medioevo, di trame forme abbreviate o, come sul dirsi con termine tecnico, ipocoristici. Nomi di famiglia quali Ducci, Lotti, Neri, Ventura, Giunti, Corsi, Salvi risultano oggi ben più comuni delle forme da cui derivano, e che sono rispettivamente Bernardo (o altro nome uscente in -do), Angelotto, Raineri (antica forma per Raniero), Bonaventura, Bonagiunta, Bonaccorso, Diotisalvi, ecc. A loro volta, poi, le forme abbreviate si sono spesso arricchite di uno o più suffissi, in modo tale da allungarsi e diventare irriconoscibili; chi, se non lo studioso, è a conoscenza del fatto che Guzzinati deriva da Ugo o Federigo o Arrigo, Pucciarelli da Filippo o da Jacopo, Giottini da Ambrogio e Bossettini da Jacobo?

Ecco che allora dal nome medievale per eccellenza, cioè il più diffuso tanto in Italia quanto in Europa, Giovanni/Gianni, si sono originati migliaia di cognomi diversi, da Giovannetti a Zanella, da Di Giovanni a Vannucci, da Iannone a Zandegiacomo, da Nanni a De Zan, da Bongiovanni a Giangrande e via dicendo.