Add to del.icio.us Digg! Share on Facebook Reddit! Stumble it! Share on Twitter
Condividi: facebook twitter

Bacheca del sito

La Bacheca del sito di TopGan da dove potete vedere quello che succede nel sito e potete postare quello che pensate e pubblicare i vostri articoli, annunci tutto gratuitamente.

Può Pubblicare Articoli o Messaggi solo un utente registrato.
Per Pubblicare un Articolo o Messaggio:
eseguire l'Accesso oppure creare un account.
  Annulla
  1. In data 02/12/2018 11:43:41 a pubblicato
    TopGan
    TopGan


    Condividi
    o
    Commenta
    Condividi.png

    Una bambina di 8 anni si reca da sola in farmacia cio che chiede fa scoppiare in lacrime il farmacista


    Questa è la storia vera di una bambina di otto anni che sapeva che l’amore può fare meraviglie. Il suo fratellino era destinato a morire per un tumore al cervello. I suoi genitori erano poveri, ma avevano fatto di tutto per salvarlo, spendendo tutti i loro risparmi.
    Una sera, il papà disse alla mamma in lacrime: “Non ce la facciamo più, cara. Credo sia finita. Solo un miracolo potrebbe salvarlo”.
    La piccola, con il fiato sospeso, in un angolo della stanza aveva sentito.
    Corse nella sua stanza, ruppe il salvadanaio e, senza far rumore, si diresse alla farmacia più vicina. Attese pazientemente il suo turno. Si avvicinò al bancone, si alzò sulla punta dei piedi e, davanti al farmacista meravigliato, posò sul banco tutte le monete.
    “Per cos’è? Che cosa vuoi piccola?”.
    “È per il mio fratellino, signor farmacista. È molto malato e io sono venuta a comprare un miracolo”.
    “Che cosa dici?” borbottò il farmacista.
    “Si chiama Andrea, e ha una cosa che gli cresce dentro la testa, e papà ha detto alla mamma che è finita, non c’è più niente da fare e che ci vorrebbe un miracolo per salvarlo. Vede, io voglio tanto bene al mio fratellino, per questo ho preso tutti i miei soldi e sono venuta a comperare un miracolo”.
    Il farmacista accennò un sorriso triste.
    “Piccola mia, noi qui non vendiamo miracoli”.
    “Ma se non bastano questi soldi posso darmi da fare per trovarne ancora. Quanto costa un miracolo?”.
    C’era nella farmacia un uomo alto ed elegante, dall’aria molto seria, che sembrava interessato alla strana conversazione.
    Il farmacista allargò le braccia mortificato. La bambina, con le lacrime agli occhi, cominciò a recuperare le sue monetine. L’uomo si avvicinò a lei.
    “Perché piangi, piccola? Che cosa ti succede?”.
    “Il signor farmacista non vuole vendermi un miracolo e neanche dirmi quanto costa…. È per il mio fratellino Andrea che è molto malato. Mamma dice che ci vorrebbe un’operazione, ma papà dice che costa troppo e non possiamo pagare e che ci vorrebbe un miracolo per salvarlo. Per questo ho portato tutto quello che ho”.
    “Quanto hai?”.
    “Un dollaro e undici centesimi…. Ma, sapete….” Aggiunse con un filo di voce, “posso trovare ancora qualcosa….”
    L’uomo sorrise “Guarda, non credo sia necessario. Un dollaro e undici centesimi è esattamente il prezzo di un miracolo per il tuo fratellino!”. Con una mano raccolse la piccola somma e con l’altra prese dolcemente la manina della bambina.
    “Portami a casa tua, piccola. Voglio vedere il tuo fratellino e anche il tuo papà e la tua mamma e vedere con loro se possiamo trovare il piccolo miracolo di cui avete bisogno”.
    Il signore alto ed elegante e la bambina uscirono tenendosi per mano.
    Quell’uomo era il professor Carlton Armstrong, uno dei più grandi neurochirurghi del mondo. Operò il piccolo Andrea, che poté tornare a casa qualche settimana dopo completamente guarito.
    “Questa operazione” mormorò la mamma “è un vero miracolo. Mi chiedo quanto sia costata…”.
    La sorellina sorrise senza dire niente. Lei sapeva quanto era costato il miracolo: un dollaro e undici centesimi…. più, naturalmente l’amore e la fede di una bambina.

    Mi piace
    OK
    Questo post piace a: 1 Persona/e
    1. TopGan

    Nessuno ha commentato questo post

  2. In data 02/12/2018 11:09:06 a pubblicato
    TopGan
    TopGan


    Condividi
    o
    Commenta
    Condividi.png

    MAXI ASSUNZIONI PER BIDELLI NELLE SCUOLE: BASTA LA LICENZA MEDIA. OTTIMO STIPENDIO. CANDIDATI QUI

    Maxi assunzioni per bidelli nelle scuole: Basta la licenza media. Ottimo stipendio. Candidati qui

    Una splendida notizia: diverse scuole italiane sono alla ricerca di Collaboratori Scolastici da inserire nel proprio organico. È richiesta solo la Licenza Media.

    lavoro bidelli scuole

    Siamo estremamente felici di comunicarvi che diverse scuole italiane stanno assumendo del personale che dovrà ricoprire la carica di Bidello/a: le selezioni riguarderanno precisamente 2 città italiane e gli annunci sono gestiti da due colossi del settore quali Impiego24 e Manpower.

    Manpower seleziona nuovi Bidelli:
    Come abbiamo appena specificato, la famosissima Manpower S.P.A cerca Bidelli per conto di terzi e questi avranno il ruolo fondamentale di: pulire gli ambienti e le aule, lavaggio del vestiario per l’educazione fisica, collaborare con i docenti per quanto concerne la sorveglianza degli studenti, controllare e ordinare il materiale di pulizia e di visionare durante la ricreazione.
    Assunzione diretta e orario di lavoro full-time. Per questa mansione è necessario appartenere alle categorie protette e vi ricordiamo che la sede di lavoro è Milano.

    Impiego24 seleziona nuovi Bidelli:

    Come avrete intuito, l’altrettanto famosa azienda Impiego24 è alla ricerca di una figura (collaboratore scolastico o collaboratrice scolastica) che avrà il compito di pulire accuratamente gli ambienti, riordinare le aule scolastiche e di eseguire gli altri compiti che concerneranno il suo ruolo.
    Non sono richiesti particolari requisiti se non la Licenza Media. La sede di lavoro è Pescara.

    Come Candidarsi:

    Per candidarsi al ruolo di Bidelli presso la città di Milano, basta semplicemente fare click qua e attendere qualche secondo affinchè la pagina venga caricata correttamente (Manpower).
    Per candidarsi al ruolo di Bidelli presso la città di Pescara, basta semplicemente fare click qua e attendere qualche secondo affinchè la pagina venga caricata completamente (Impiego 24).
    Una volta che le pagine sono state caricate, dovrete semplicemente seguire le istruzioni riportate a video e infine inviare la vostra candidatura all’interno del sito.
    Desideriamo ricordarvi che tutti gli annunci di lavoro sono rivolti ad entrambi i sessi, ai sensi delle leggi 903/77 e 125/91 (tranne ove specificato)


    Mi piace
    OK
    Questo post piace a: 1 Persona/e
    1. TopGan

    Nessuno ha commentato questo post

  3. In data 02/12/2018 10:26:52 a pubblicato
    TopGan
    TopGan


    Condividi
    o
    Commenta
    Condividi.png
    Offerte di lavoro Offerte di lavoro

    Assunzioni Eurospin: nuove opportunità di lavoro nei Supermercati e negli Uffici

    La famosa catena di negozi discount cerca periodicamente personale in diverse regioni d’Italia da inserire nei vari reparti, ma anche negli ufficie nella sede centrale. Per chi volesse lavorare in Eurospin, ecco quali sono le offerte di lavoro disponibili e le informazioni su come candidarsi ad un ruolo in una delle realtà leader della grande distribuzione italiana.

    Ogni dipendente Eurospin riceve, oltre ad un accurato e dettagliato affiancamento sul campo, una formazione di base standard sulle norme giuridico istituzionali aziendali, sulle norme di sicurezza 81/08, sulle norme igienico sanitarie e una formazione commerciale volta a motivare i dipendenti nel contatto quotidiano con il cliente. La formazione è prevista non solo per i neo assunti, ma per tutti i dipendenti, diversificata a seconda della mansione che si ricopre in azienda.

    Ecco le posizioni aperte:

    • Assistente di Filiale e Vice Assistente di filiale: sono responsabili della gestione del personale presente all’interno del punto vendita, sia in termini di programmazione di orario che di supporto al raggiungimento degli obiettivi prefissati.
    • Addetti alle vendite: si occupano della  gestione delle attività presenti all’interno dei punti vendita quali assistenza alla clientela, attività di cassa, sistemazione merce negli scaffali, corretta tenuta del layout merceologico.
    • Macellai e aiuto macellai: si occupa del taglio della carne e della completa gestione del banco vendita. E’ richiesta un’ottima conoscenza delle tipologie di carne e delle loro caratteristiche.
    • Salumieri – Gastronomi – Addetti reparto gastronomia: sono responsabili del servizio alla clientela, attraverso la preparazione e il taglio degli alimenti, l’allestimento dei banchi freschi, salumi e formaggi il corretto utilizzo delle attrezzature.

    Offerte di lavoro negli uffici:

    Iimpiegato/a amministrazione personale - Verona

    • Tecnico di cantiere - Friuli e Veneto
    • Addetto ufficio viaggi - S. Martino B.A. (vr)
    • Assistente buyer - San Martino Buon Albergo (vr)
    • Impiegato/a ufficio hr - S. Pietro Vernotico
    • Addetto controllo qualitá - San Martino Buon Albergo (vr)
    • Espansionista - Bologna
    • Full stack developer - Verona

    Candidatura

    Per candidarsi ad una delle posizioni aperte sopra elencate, consultare la pagina dedicata. Il portale non mostra immediatamente tutti gli annunci di lavoro ma è necessario selezionare le categorie disponibili, in questo caso Punti vendita, e la provincia di interesse. Compariranno così le posizioni aperte, dove presenti


    Immagine Post
    Mi piace
    OK
    Questo post piace a: 1 Persona/e
    1. TopGan

    Nessuno ha commentato questo post

  4. In data 21/04/2017 18:39:40 a pubblicato
    TopGan
    TopGan


    Condividi
    o
    Commenta
    Condividi.png

    Vendesi Appartamento in zona molto commerciale e ben servita ad Orbassano

    In zona molto commerciale alloggio di 75 mq, composto da salone, due camere da letto, Cucina abitabile, bagno, due ripostigli, un balcone, un posto auto di proprietà, una cantina e due locali in comproprietà. Lo stabile possiede due ascensori e rampe per l'eliminazione di barriere architettoniche, un giardino molto grande tutto recintato con cancello motorizzato.


    Per Inf o appuntamento per visionare L'Appartamento telefonare: 339 2811989.

    Immagine Post
    Mi piace
    OK
    Questo post piace a: 6 Persona/e
    1. TopGan
    2. Roslyn Hopper
    3. Salvatore Cappiello
    4. Maria Cecilia Mariani
    5. Alfonsina Vitale
    6. Monica Bellucci

    Nessuno ha commentato questo post

  5. In data 29/11/2018 16:24:57 a pubblicato
    TopGan
    TopGan


    Condividi
    o
    Commenta
    Condividi.png

    Ogni anno duecento mariti separati si uccidono. In Italia 4 milioni di padri single


    In Italia ci sono quattro milioni di padri single, di cui 800mila con problemi economici (Getty)

    In Italia ci sono quattro milioni di padri single, di cui 800mila con problemi economici perché dopo la separazione devono far fronte a spese doppie con un solo stipendio e finiscono in miseria. Ogni anno si suicidano 200 mariti separati ma nessuno pare se ne curi.

    La violenza non ha genere

    Solo nel 2016 si stima che siano stati 200 i suicidi di padri separati nel nostro Paese, mille in tutta Europa”, spiega a Libero l’avvocato Walter Buscema, dell’associazione Nessuno Tocchi Papà, che annualmente fornisce assistenza a un milione di persone.

    I numeri

    Si stima ci siano 4 milioni di padri separati in Italia, di cui 800mila si trovano in gravi difficoltà economiche, causate dalla separazione. La sofferenza, in questi casi, si amplifica anche perché diventa difficile vedere i figli. “Si tratta di una vera e propria tragedia sociale”, continua Buscema. A confermare questa situazione ci sono anche i dati dell’ultimo rapporto della Caritas, sulla povertà nel nostro Paese, che sottolinea come il 46 per cento dei padri separati vive in gravi condizioni di indigenza a causa della separazione.

    L’affido

    L’affido condiviso è un provvedimento che è rimasto sulla carta. Di fatto nelle sentenze dei giudici il padre viene ridotto  a genitore dei serie B”, precisa Buscema. “La legge non tutela il diritto del bimbo di crescere con entrambi i genitori” e questo “comporta ripercussioni di carattere fisico e psicologico che si manifestano sia nell’adulto che nel minore”.

    Il ddl Pillon

    Qualcosa, a livello normativo, andrebbe fatto. “Il ddl Pillon costituisce una svolta necessaria e dovrebbe riportare equilibrio in una situazione di evidente disparità, dato che nel 97 per cento dei casi i minori vengono collocati presso la madre”, dice Ivano Giacomelli, segretario generale dell’associazione CODICI. “Molti papà sviluppano la sindrome da alienazione parentale (Pas), una vera e propria patologia che spesso conduce alla depressione”.


    Mi piace
    OK
    Questo post piace a: 1 Persona/e
    1. TopGan

    Nessuno ha commentato questo post

Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 next last Pagine Totale: 234   

capabarra21lg.gif

LE TUE MANI

Grande è la gioia che provo quando posso stringere le tue mani.
Sento esprimere tutte le cose che non mi hai mai detto,
sento che ancora mi vuoi bene,
anche se non te l'ho mai chiesto.
Nelle tue mani ho messo il mio cuore
e tutto l'amore vero e sincero.
Il tempo è passato ma il mio sentimento non è mai cambiato è ancora forte e vivo.
Spero ancora di stringere le tue mani,
sentire che col pensiero mi sei vicina.
Ti prego! non negarmi la gioia di un tuo saluto
e la speranza che un giorno non lontano,
ancora io possa stringere le tue mani.

capabarra39ec.gif e-mail0.gif posta.jpg